CORONAVIRUS. Grandi guadagni delle case farmaceutiche

282

In mezzo al caos della pandemia globale, e ai relativi disastri economici, solo un’industria al momento non solo sopravvive, ma sta progettando e avendo profitti elevati: l’industria farmaceutica. 

Nel suo libro Pharma: Greed, Lies, and the Poisoning of America, Gerald Posner, giornalista investigativo, scrive che: «Le aziende farmaceutiche vedono Covid-19 come un’opportunità di business che capita una volta nella vita (…) Il mondo ha bisogno di prodotti farmaceutici, naturalmente. Per la nuova epidemia di coronavirus, in particolare, abbiamo bisogno di trattamenti e vaccini e, negli Stati Uniti, di test. Decine di aziende stanno ora facendo a gara per produrli.

«Fanno tutte a gara», ha detto Posner, ripreso da Intercept, che ha descritto gli enormi e potenziali guadagni per chi la vince. La crisi globale «sarà potenzialmente un blockbuster per il settore in termini di vendite e profitti (…) più la pandemia peggiora, più alto sarà il loro profitto finale». 

La capacità di fare soldi con i prodotti farmaceutici è già eccezionalmente grande negli Stati Uniti, che mancano dei controlli di base sui prezzi che altri paesi hanno, dando alle aziende farmaceutiche più libertà di fissare i prezzi dei loro prodotti rispetto a qualsiasi altra parte del mondo. 

Durante la crisi attuale, i produttori farmaceutici potrebbero avere ancora più margine di manovra del solito a causa dei lobbisti dell’industria inseriti in un pacchetto di spesa per il coronavirus da 8,3 miliardi di dollari, approvato la scorsa settimana. Inizialmente, alcuni legislatori avevano cercato di assicurare che il governo federale avrebbe limitato quanto le aziende farmaceutiche avrebbero potuto raccogliere dai vaccini e dalle cure per il nuovo coronavirus che avevano sviluppato con l’uso di finanziamenti pubblici.

Il pacchetto di aiuti finale non solo non ha limitato i diritti di proprietà intellettuale dei produttori di farmaci, ma ha proibito specificamente al governo federale di intraprendere qualsiasi azione se teme che i trattamenti o i vaccini sviluppati con fondi pubblici abbiano un prezzo troppo alto.

Dagli anni Trenta del Novecento, secondo i calcoli di Posner, i National Institutes of Health hanno investito circa 900 miliardi di dollari nella ricerca che le aziende farmaceutiche usavano allora per brevettare farmaci di marca. Ogni singolo farmaco approvato dalla Food and Drug Administration tra il 2010 e il 2016 ha coinvolto la scienza finanziata con i dollari delle tasse attraverso il NIH, secondo il gruppo di sostenitori Patients for Affordable Drugs. I contribuenti hanno speso più di 100 miliardi di dollari per quella ricerca.

Nel suo libro, Posner indica molti esempi di società private che ottengono profitti esorbitanti da farmaci prodotti con finanziamenti pubblici. Questi profitti hanno finanziato enormi bonus per i dirigenti delle aziende farmaceutiche e la commercializzazione aggressiva dei farmaci ai consumatori. Sono stati anche utilizzati per aumentare ulteriormente la redditività del settore farmaceutico. Secondo i calcoli di Axios, le aziende farmaceutiche realizzano il 63% dei profitti totali dell’assistenza sanitaria negli Stati Uniti, in parte grazie al successo dei loro sforzi di lobbying. Nel 2019, l’industria farmaceutica ha speso 295 milioni di dollari in attività di lobbying, molto più di qualsiasi altro settore negli Stati Uniti. Si tratta di quasi il doppio di quanto spende il prossimo più grande finanziatore – il settore dell’elettronica, della produzione e delle attrezzature – e ben più del doppio di quanto spendono le compagnie petrolifere e del gas per le attività di lobbying. L’industria spende anche generosamente in contributi per le campagne elettorali sia per i legislatori democratici che per quelli repubblicani.

Big Pharma si è posizionata nell’attuale pandemia: mentre i mercati azionari sono crollati, più di 20 aziende che lavorano su un vaccino e su altri prodotti legati al nuovo virus sono state in gran parte risparmiate.

Diverse aziende hanno chiarito che stanno ricevendo finanziamenti dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani per gli sforzi legati alla pandemia, ma non è chiaro se stiano usando i soldi del governo Usa per il loro lavoro sul virus. Finora, il servizio sanitario Usa non ha rilasciato un elenco dei beneficiari delle sovvenzioni e secondo Reuters, l’amministrazione Trump ha secretato le discussioni sul coronavirus.

Luigi Medici