Coree: promesse di guerra per Natale

76

COREA DEL NORD – Pyongyang. 22712/13. La Corea del Nord venerdì ha minacciato di attaccare la Corea del Sud, senza alcun preavviso tramite un fax inviato al Consiglio di Sicurezza Nazionale della Corea del Sud.

A darne notizia il ministero della Difesa di Seoul. Il fax fa riferimento alle recenti manifestazioni in cui effigi di Kim Jong sono state bruciate a Seul per l’anniversario della morte di Kim Jong Il, un problema che spesso aggrava i rapporti con il Nord. La Corea del Sud ha reagito con decisione agli avvisi di Pyongyang sull’attacco “senza pietà”, “senza preavviso”, inviando un fax di risposta che prometteva “punizione risoluta” a qualsiasi attacco avviato dal Nord.

Nella giornata di venerdì, il ministro dell’unificazione della Corea del Sud ha denunciato l’attacco, invitando la Corea del Nord a smettere di fare minacce contro Seul. «La Corea del Nord deve prendere l’attitudine a risolvere i problemi inter-coreane un passo dopo passo attraverso il dialogo», ha detto il ministro dell’Unificazione Ryoo Kihl – jae nei commenti effettuati il venerdì, da Yonhap, alla News Agency della Corea del Sud.

Ma se si vanno a vedere le cronache degli anni passati si scopre che il perfetto clima natalizio coreano agita gli animi ed è sempre fastello da minacce di guerra.