COREA DEL NORD. Pyongyang apre la guerra delle spie

369

La procura centrale della Corea del Nord ha svelato nei giorni scorsi un elenco di persone che sarebbero coinvolte in un piano delle agenzie di spionaggio statunitensi e sudcoreane per attaccare il leader Kim Jong-un, e hanno chiesto l’estradizione.

Secondo quanto riporta Yonhap, la Corea del Nord ha affermato la scorsa settimana che un gruppo terroristico sostenuto dalla Cia e dal Nis si è infiltrato in Corea del Nord per compiere un atto terroristico contro Kim utilizzando una sostanza biochimica. L’Ufficio centrale dei procuratori pubblici ha dichiarato che «punirà severamente ideatori e complici sponsorizzati dai governi», rilasciando un elenco di quattro sospetti, tra cui Lee Byong-ho, capo delle spia della Corea del Sud. Lee sta attualmente guidando il servizio nazionale di intelligence, e sarà sostituito da Suh Hoon se la nomina di Suh fosse approvato dal parlamento.

I procuratori hanno lanciato la loro accusa ai sensi del codice penale di Pyongyang, chiedendo una pronta estradizione da parte di Seoul e Washington. «Gli Stati Uniti e la Corea del Sud dovranno arrestare tempestivamente tutti gli organizzatori, i partecipanti e i seguaci del crimine terroristico sponsorizzato dal governo contro la leadership suprema della Corea del Nord e li dovranno consegnare a noi», riporta la Kcna.

La Corea del Nord ha sostenuto che il Nis, l’agenzia d’intelligence della Corea del Sud, ha cospirato con la Central Intelligence Agency e corrotto un operaio nordcoreano, soprannominato Kim, in Russia nel giugno 2014 e lo ha trasformato in un terrorista.

Hanno poi consegnato a Kim oltre 20 mila dollari in due occasioni e un trasmettitore-ricevitore satellitare dopo aver pianificato di uccidere il leader nordcoreano attraverso una bomba o con delle sostanze biochimiche.

Pyongyang ha quindi minacciato di lanciare un’azione anti-terrorismo contro le agenzie di intelligence di Seoul e Washington, senza però spiegare i dettagli.

Antonio Albanese