COREA DEL SUD. Rinviate le esercitazioni in vista del dialogo e delle Olimpiadi

66

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno deciso di posticipare le esercitazioni militari congiunte fino a dopo le Olimpiadi invernali di Pyeongchang il mese prossimo.

La Blue House della Corea del Sud ha detto che la decisione è stata presa durante una telefonata tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente Moon Jae-in. Una dichiarazione della Casa Bianca recita che entrambi i leader «hanno accettato di scalare la tensione sulle Olimpiadi e le nostre esercitazioni militari in modo che le forze degli Stati Uniti e della Repubblica di Corea potessero concentrarsi sulla sicurezza dei giochi». Jim Mattis ha cercato di minimizzare il posticipo definendolo una “questione pratica”, aggiungendo che gli esercizi riprenderanno dopo la fine dei Giochi Paralimpici del 9-18 marzo, riporta VoA.

Le esercitazioni militari congiunte annuali note come Foal Eagle si svolgono solitamente tra febbraio e aprile e sono una delle più grandi del mondo, combinando operazioni terrestri, aeree, navali e speciali. La Corea del Nord ha sempre protestato contro di esse. 

Durante la telefonata avvenuta il 4 gennaio, Trump e Moon «hanno accettato di continuare la campagna di massima pressione contro la Corea del Nord e di non ripetere gli errori del passato», prosegue il comunicato della Casa Bianca. 

Corea del Nord e Corea del Sud hanno riaperto una hotline transfrontaliera, che era stata chiusa dal 2016, dopo che il leader nordcoreano Kim Jong Un si era offerto di inviare una squadra ai Giochi Olimpici Invernali ospitati dal Sud il mese prossimo. Dopo la riapertura, la Corea del Sud ha confermato che i funzionari di entrambi i paesi hanno parlato per 20 minuti, secondo The Associated Press. Seul ha anche risposto all’apertura di Kim proponendo colloqui ad alto livello martedì prossimo per discutere questioni di reciproco interesse, compresa l’eventuale partecipazione del Nord ai Giochi Olimpici invernali che il Sud ospiterà a febbraio.

Luigi Medici