COREA DEL SUD. Riapre Kaesong per l’emergenza COVID19?

154

L’Associazione sudcoreana del Complesso Industriale Kaesong che aveva già chiesto la riapertura del parco industriale gestito congiuntamente in Corea del Nord sta sollecitando una parziale ripresa delle operazioni in mezzo all’epidemia di coronavirus.

L’Associazione, riporta Upi, ha detto che le attività dovrebbero riprendere nelle fabbriche chiuse, citando la necessità di produrre più maschere chirurgiche che possano essere usate per prevenire la diffusione di covid19. Secondo il servizio stampa sudcoreano Newsis: «Il Complesso Industriale Kaesong è un luogo dove si possono produrre grandi quantità di forniture come maschere, indumenti protettivi e detergenti in un breve periodo di tempo», ha detto l’Associazione.

«Se il complesso industriale del Kaesong non fosse stato chiuso, sarebbe stato possibile ridurre al minimo i danni causati dal disastro nazionale causato dal covid19 (…) Il governo sudcoreano dovrebbe in parte riprendere il complesso industriale del Kaesong per produrre in massa maschere e altri prodotti antivirali», ha aggiunto.

L’associazione ha donato fondi raccolti, circa 13.800 dollari, per l’assistenza alla città di Daegu, l’epicentro della più grande epidemia di covid19 della Corea del Sud. Hanno anche consegnato 5.000 maschere chirurgiche e mille pezzi di indumenti protettivi da capo a piedi, tipicamente indossati dagli operatori sanitari.

Il gruppo ha detto che Seoul dovrebbe presentare una petizione al comitato di sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per esonerare Kaesong per tutta la durata dell’epidemia. La Corea del Sud ha riportato più di 8200 casi; 75 persone sono morte. 

Nel 2016 la Corea del Sud ha sospeso le operazioni a Kaesong. I funzionari hanno detto che all’epoca la decisione era legata allo sviluppo di armi nucleari di Pyongyang.

La Corea del Sud ha promosso l’uso di maschere facciali in ogni momento, anche se in pubblico, come in altri Paesi asiatici, l’uso della maschera è la norma sociale in caso di malattia.

La polizia coreana di Yonhap ha riferito che lunedì la polizia coreana ha arrestato 45 persone sospettate di aver cercato di impegnarsi in «vendite di contrabbando di maschere», poiché le maschere sono diventate un oggetto molto ricercato. Altri hanno acquistato le maschere usando il nome di membri della famiglia poiché Seoul sta limitando il numero di maschere che le persone possono acquistare in mezzo all’epidemia.

Tommaso dal Passo