COREA DEL SUD. Paghiamo troppo per i soldati USA

60

La Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno avviato un nuovo ciclo di negoziati per determinare quanto ciascuno di essi dovrà contribuire al mantenimento delle truppe statunitensi nella penisola coreana. I colloqui di due giorni sono iniziati a Honolulu il 23 ottobre tra il negoziatore sudcoreano Jeong Eun-bo e il suo omologo statunitense James DeHart.

Gli Stati Uniti cercano un aumento sostanziale da Seoul per mantenere le forze statunitensi in Corea; dicono che la loro presenza costerebbe fino a sei trilioni di won, o cinque miliardi di dollari, all’anno per il mantenimento delle truppe, comprese le spese per il personale delle forze armate statunitensi e il dispiegamento di strumenti strategici.

I due alleati avrebbero dovuto rivedere il loro accordo sullo status delle forze per consentire alla Corea del Sud di pagare tali costi, riporta Kbs. In base all’attuale accordo di un anno che scade il 31 dicembre, Seoul accetta di pagare 1,4 trilioni di dollari quest’anno, con un aumento dell’8,2 per cento rispetto ai 960 miliardi di dollari dell’anno scorso.

Gli Stati Uniti stanno facendo un livello “molto più eccessivo” di richieste nei colloqui, ha detto il 24 ottobre il ministro degli Esteri di Seoul Kang Kyung-wha. «È vero che gli Stati Uniti stanno facendo un livello di richieste molto più alto di prima, quindi preparare una strategia pan-governativa è cruciale per gli alleati per ridurre le loro differenze sulla questione», ha detto il Ministro di Seoul.

È la prima volta che un funzionario governativo di alto livello ha confermato che Washington chiede alla Corea del Sud di aumentare bruscamente la sua quota dei costi per l’alloggio di 28.500 uomini della Corea del Sud. Alcuni studenti sudcoreani antiamericani hanno fatto irruzione nella residenza dell’ambasciatore degli Stati Uniti in Corea del Sud a Seul la scorsa settimana per protestare contro le richieste di Washington dicendo che la Corea del Sud pagava enormemente perla presenza Usa.

L’attuale contratto scade il 31 dicembre; «Non è corretto per noi giudicare se la posizione degli Stati Uniti è logica o illogica, ma l’11° Sma sarà una negoziazione difficile (…) Analizzeremo e valuteremo i risultati della discussione per colmare il divario tra i due», ha detto Kang, ripresa da Korea Times.

Washington ha chiesto a Seoul di aumentare il suo pagamento a circa 5 miliardi di dollari per il prossimo anno, citando molteplici ragioni, come le esercitazioni militari congiunte e lo spiegamento di armi strategiche nella penisola coreana.

Luigi Medici