COREA DEL SUD. Moon prevede nuovi summit non programmati con Kim

29

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha ordinato al suo staff, il 28 maggio, di prendere le misure necessarie per futuri prossimi suoi incontri non previsti con Kim Jong-un; Moon ha detto che progetta di incontrare il capo nordcoreano ogni volta che sia necessario. La direttiva è giunta due giorni dopo che i leader delle due Coree hanno tenuto una riunione senza preavviso sul lato nord coreano di Panmunjeom.

L’ultimo incontro ha segnato la seconda riunione Moon-Kim dopo lo storico vertice dei leader tenutosi il 27 aprile sulla parte sudcoreana di Panmunjom . «La cosa più significativa dell’ultimo summit con la Corea del Sud è stato il fatto che abbiamo saltato procedure e protocolli complicati e ci siamo incontrati casualmente, come se avessimo tenuto una riunione quotidiana», ha detto il presidente sudcoreano nella riunione settimanale con il suo staff.

«Vi chiedo di fare i preparativi necessari in anticipo per assicurarsi che non ci sarà alcuna lacuna nella linea di comando militare, tenendo presente che incontri simili potrebbero essere tenuti di nuovo in futuro», ha detto Moon, riporta Yonhap. Il presidente ha osservato che simili preparativi dovrebbero comprendere anche le modalità per informare gli altri paesi interessati prima o dopo una riunione, nonché le modalità per consentire la copertura mediatica in loco.

Moon ha anche sottolineato l’importanza di incontri più formali e programmati, citando il suo viaggio previsto a Pyongyang nel corso dell’anno per quello che ora è diventato il suo terzo vertice intercoreano con Kim. «L’organizzazione regolare di vertici formali, come quello di Panmunjom o quello di Pyongyang previsto per questo autunno, è molto importante per lo sviluppo delle relazioni tra la Corea del Sud e la Corea del Nord. Sarebbe, inoltre, più facile sviluppare rapidamente le relazioni tra la Corea del Sud e la Corea del Nord se potessimo tenere frequenti discussioni pratiche da entrambe le parti del Sud e del Nord ogniqualvolta vi sia un’urgente necessità», ha affermato il presidente.

Antonio Albanese