COREA DEL SUD. Jet russi e cinesi entrano contemporaneamente nello spazio aereo sudcoreano

212

Jet sudcoreani sono decollati per contrastare un’intrusione congiunta di aerei sino-russi che hanno messo alla prova uno dei punti più sensibili nella postura difensiva coreano-giapponese-statunitense nel Nord-est asiatico. L’intrusione sembra rappresentare un miglioramento della cooperazione militare sino-russa, mentre ha messo in luce una mancanza di coordinamento della difesa tra Giappone e Corea del Sud.

Quattro aerei cinesi e 15 russi sono penetrati nella zona di identificazione della difesa aerea coreana, o Kadiz, il 22 dicembre, secondo le dichiarazioni dei Capi di Stato Maggiore congiunti sudcoreani, riportate da Asia Times: «Crediamo che si sia trattato di un addestramento congiunto di militari cinesi e russi», ha detto un portavoce.

Quattro bombardieri cinesi H-6 sono entrati nel Kadiz da ovest della scogliera sommersa di Ieo – la cui proprietà è contestata da Cina e Corea – che si trova al largo del sud della penisola intorno alle 8 del mattino. Due hanno poi volato verso est, vicino all’isola di Ulleungdo al largo della costa orientale della Corea, prima di uscire dalla zona. I velivoli cinesi si sono identificati prima di entrare nel Kadiz, ma 15 aerei russi – bombardieri Tu-95, caccia Su e A-50 AWACS – sono entrati nella zona da nord senza farlo.

Il percorso di volo russo era vicino alle isole Dokdo amministrate dalla Corea del Sud, equidistanti nel Mar del Giappone tra i due paesi. Le isolette sono rivendicate anche dal Giappone, che le chiama Takeshima. L’aereo russo ha continuato a volare dentro e fuori dal bordo orientale del Kadiz.

È stata la quarta intrusione di questo tipo da parte di aerei cinesi quest’anno, e la prima da parte della Russia, secondo il ministero della Difesa Nazionale sudcoreano. Anche se un Adiz non è definito come spazio aereo sovrano, secondo il diritto internazionale, il protocollo ampiamente accettato è che gli aerei si identifichino prima di entrare.

A complicare la questione nell’area c’è il fatto che le Adiz cinesi, sudcoreani e giapponesi si sovrappongono tutti a sud della penisola coreana. Le Adiz che si sovrappongono coprono anche aree contestate da Cina e Corea del Sud (Ieo Reef) e da Cina e Giappone (le isole Senkaku/Diaoyu); mentre la Russia non riconosce le Adiz sudcoreane.

A differenza di un incidente simile avvenuto nel luglio 2019, quando due Tu-95 russi hanno sorvolato direttamente il Dokdo/Takeshima, il velivolo coreano non ha sparato colpi di avvertimento lo scorso martedì. Tuttavia, Seoul ha presentato proteste diplomatiche sia con la Cina che con la Russia.

Questo evento suggerisce un’interazione emergente tra la Cina e le forze russe nella regione.

L’obiettivo era probabilmente acquisire dati e guardare i tempi di reazione e le reazioni.

Inoltre, potrebbe anche essere stata pensata per sondare la mancanza di cooperazione tra le reti di difesa aerea coreano-giapponesi.

Luigi Medici