COREA DEL SUD: il 9 dicembre si voterà sull’impeachment di Park

94

di Maddalena Ingroia COREA DEL SUD – Seul 06/12/2016. L’opposizione sudcoreana ha ottenuto che il voto sull’impeachment del presidente Park Geun-hye si terrà la prossima settimana, mentre il suo stesso partito rimane indeciso sull’opportunità di costringerla alle dimissioni.

Park ha offerto le sue dimissioni e ha chiesto al Parlamento di decidere sul come e sul quando, ma l’opposizione ha respinto l’offerta ritenuta una manovra dilatoria per evitare l’impeachment, riporta Channel News Asia.

Sia che venga costretta alle dimissioni o allontanata dall’incarico, sarà il primo presidente della Corea del Sud democraticamente eletto a non terminare il proprio mandato. I tre partiti di opposizione, con un combinato di 165 seggi nel parlamento di 300 membri, possono portare all’impeachment, ma avranno bisogno di alcuni membri provenienti dal Saenuri partito di Park per arrivare alla maggioranza dei due terzi necessaria per far passare la legge.
Park è accusata di collusione con Choi Soon-sil, accusato di abuso di potere, per fare pressione indebita sui conglomerati industriali che finanziavano le iniziative politiche del presidente; Park ha negato qualsiasi addebito, ma ha chiesto scusa alla nazione.

Alcuni membri del Saenuri in precedenza avevano detto che si sarebbero unirsi all’opposizione per metterla sotto accusa ma hanno cambiato posizione dopo l’offerta di dimissioni entro aprile.
Se passa la destituzione, la Corte costituzionale sudcoreana ha 180 giorni di tempo per approvarla o rifiutarla; se approvata, si dovrà effettuare una nuova elezione entro 60 giorni per eleggere un nuovo presidente. Il gradimento di Park è al minimo storico del 4 per cento, secondo un recente sondaggio.