COREA DEL NORD. Pyongyang sposta missili e Tillerson apre al dialogo

480

È stato avvistato lo spostamento di diversi missili nordcoreani da un impianto missilistico di Pyongyang. Lo ha annunciato la radio sudcoreana Korean Broadcasting System, Kbs, prevedendo un possibile nuovo test missilistico e una nuova provocazione. Kbs citava fonti di intelligence sudcoreane e statunitensi, che hanno rilevato il trasporto di missili dalla Missile Research and Development Facility di Sanum-dong, nella parte settentrionale di Pyongyang; Kbs non ha detto dove fossero stati spostati.

Si potrebbe trattare di missili balistici a medio raggio Hwasong-12 o missili balistici intercontinentali Hwasong-14; l’impianto missilistico di Sanum-dong produce infatti missili balistici intercontinentali. Si teme che la Corea del Nord possa compiere altri atti provocatori in prossimità dell’anniversario della fondazione del suo partito comunista il 10 ottobre, o forse quando la Cina terrà il suo Congresso del partito comunista il 18 ottobre. La relazione con Pechino, infatti, si è deteriorata ultimamente da quando la Cina ha messo in atto le sanzioni rafforzate previste dall’Onu contro la Corea del Nord a seguito dei recenti test balistici e nucleari.

In mezzo alle tensioni sulla penisola coreana, Corea del Sud e le forze degli Stati Uniti hanno recentemente tenuto la loro prima esercitazione congiunta di difesa aerea a corto raggio in Corea del Sud, secondo quanto riporta un comunicato del Comando Pacifico degli Stati Uniti. Nel comunicato viene poi annunciata una nuova esercitazione di cui non viene fornita la data esatta, ma viene detto solo si terrà nei prossimi mesi, con lo scopo di rendere le due forze più familiari con le capacità dell’altra.

Gli Stati Uniti, d’altro canto, stanno cercando di capire se la Corea del Nord è disposta a tenere colloqui sulla rinuncia alle sue armi nucleari; si tratta della nuova via diplomatica annunciata a Pechino dal Segretario di Stato americano Rex Tillerson che ha confermato la presenza di linee di comunicazione con Pyongyang, riporta Yonhap. Simili colloqui Usa-Corea del Nord, se tenuti, sarebbero i primi del loro genere da quando Trump ha assunto l’incarico a febbraio 2017 e i primi da ottobre 2016.

Antonio Albanese