COREA DEL NORD. Pyongyang risponde a Tillerson

77

La Corea del Nord ha risposto al segretario di Stato Usa Rex Tillerson che aveva messo in guardia Pyongyang su eventuali attacchi militari contro la nazione comunista, dicendo che gli Stati Uniti sono pronti a qualsiasi misura. La Corea del Nord ha detto di essere pronta «per ogni guerra» per con gli Usa.

Il ministero degli Esteri della Corea del Nord ha anche detto che il mondo potrà presto vedere quanto sia significativo il suo recente test di un motore a razzo, una minaccia apparente di utilizzare il motore per un test su un missile balistico intercontinentale in grado di raggiungere gli Stati Uniti

«Gli Stati Uniti dovrebbero affrontare la situazione del mondo ad occhi aperti. La Corea del Nord ha la volontà e la capacità di rispondere pienamente a qualsiasi guerra, che gli Stati Uniti vorranno innescare», ha detto un portavoce del ministero del Nord, secondo Kcna.

«Se gli uomini d’affari oggi autorità statunitensi pensavano che avrebbero spaventato la Corea del Nord, dovrebbero ben sapere che il loro metodo non funzionerà. Il mondo potrà presto testimoniare quale significato ha la grande vittoria della Corea del Nord nel recente test del motore jet», ha detto il portavoce. È stata la prima risposta nordcoreana agli avvisi di Tillerson.

Durante la visita a Seoul e Tokyo la scorsa settimana, Tillerson ha detto che i due decenni di sforzi diplomatici per disarmare il Nord erano falliti, e non c’era più nessun vantaggio nel perseguire la via diplomatica.

Tillerson ha anche dichiarato la fine della politica obamiana della “pazienza strategica”, realizzata aumentando le sanzioni e le pressioni sul regime di Pyongyang.

«Ora Tillerson sta ripetendo quello che Obama ha propagandato fino a quando ha lasciato la Casa Bianca» ha detto il portavoce del Nord «Ciò che conta è che né Obama né Tillerson sanno il motivo per cui la Corea del Nord doveva avere accesso alle armi nucleari e perché deve rafforzare dinamicamente la forza nucleare».

Pyongyang ha a lungo sostenuto che è stata costretta a sviluppare armi nucleari per far fronte alle minacce degli Stati Uniti di aggressione.

Maddalena Ingroia