COREA DEL NORD. Pyongyang dice addio al sito nucleare 

65

La Corea del Nord ha programmato lo smantellamento del suo sito di test nucleari di Punggye-ri tra il 23 e il 25 maggio a seconda delle condizioni meteorologiche, al fine di mantenere il suo precedente impegno di interrompere gli esperimenti nucleari. Lo hanno annunciato i media statali nordcoreani dal 12 maggio. 

L’agenzia di stampa Kcna ha detto che lo smantellamento della base per i test nucleari prevede il crollo di tutte le sue gallerie con esplosioni controllate, il blocco di tutti i suoi ingressi e la rimozione di tutte le strutture di osservazione, edifici di ricerca e posti di sicurezza. «L’Istituto per le armi nucleari e altre istituzioni interessate stanno adottando misure tecniche per smantellare il campo di sperimentazione nucleare settentrionale della Rpdc al fine di garantire la trasparenza dell’interruzione dei test nucleari», si legge nel comunicato.

L’annuncio arriva dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che avrebbe tenuto un vertice con il leader nordcoreano Kim Jong Un a Singapore il 12 giugno. Sarà il primo incontro in assoluto tra un presidente degli Stati Uniti in carica e il leader della Corea del Nord. Il vertice di Singapore fa seguito a un’impennata dell’impegno internazionale con la Corea del Nord: le due Coree hanno tenuto il proprio vertice alla fine di aprile e si prevedono riunioni ad alto livello nelle prossime settimane.

Il Segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, ha dichiarato che la Corea del Nord può sperare in «un futuro ricco di pace e prosperità» se accetterà di rinunciare rapidamente alle sue armi nucleari. Pompeo ha annunciato che il governo degli Stati Uniti «sarebbe disposto» ad offrire un aiuto economico alla Corea del Nord: «Se la Corea del Nord intraprende azioni coraggiose per denuclearizzarsi rapidamente, gli Stati Uniti sono pronti a collaborare con la Corea del Nord per raggiungere una prosperità pari con i nostri amici sudcoreani». 

Ad aprile, i funzionari di Seul hanno dichiarato che la Corea del Nord intendeva invitare esperti e giornalisti degli Stati Uniti e della Corea del Sud per la chiusura del suo sito di prova per «mostrare in modo trasparente lo smantellamento del sito nucleare settentrionale». Per accogliere i giornalisti in viaggio, la Corea del Nord ha dichiarato che sarebbero state adottate varie misure, tra cui l’apertura di uno spazio aereo territoriale.

Tutti i giornalisti internazionali saranno fatti sbarcare in un volo charter a Wonsan, città portuale nella Corea del Nord orientale, da Pechino, riporta Kcna. I giornalisti saliranno a bordo di un treno per raggiungere il sito di test nucleare che è in una «zona montagnosa disabitata». I sei test nucleari noti della Corea del Nord si sono svolti a Punggye-ri, nella parte nord-orientale della Corea del Nord, dove è stato scavato un sistema di tunnel sotto il Monte Mantap. 

Antonio Albanese