COREA DEL NORD. Putin, offeso da Trump, starà in finestra nelle trattative nordcoreane

178

Il Presidente russo Vladimir Putin ha minacciato di ritirarsi dalle trattative sulla Corea del Nord se gli Stati Uniti continueranno a minacciare Mosca con sanzioni, dopo che Washington ha pubblicato la sua relazione sul giro più stretto di contatti del Cremlino di Putin.

Putin ha detto che gli Stati Uniti sono “stupidi” a trattare la Russia come il regime di Kim Jong-un o l’Iran, se si aspettano che la sua nazione li aiuti a disinnescare la minaccia della guerra con la Corea del Nord, avvertendo che il Cremlino ora si sarebbe astenuto da passi reciproci, riporta il britannico Express.

Nelle sue osservazioni, il Presidente russo ha definito la relazione statunitense sul Cremlino, che elenca i funzionari e miliardari russi che si crede abbiano stretti legami con Putin, come un atto ostile.

Il presidente russo ha detto che ora era suo compito pensare alla Russia e all’economia russa, dopo la pubblicazione della relazione, che cerca di colpire la Russia per la sua presunta ingerenza nelle elezioni americane.

«Noi (Russia) abbiamo bisogno più di tutto di pensare a noi stessi, abbiamo bisogno di gestire la nostra economia, l’agricoltura, abbiamo bisogno di sostenere le esportazioni, la sanità, l’istruzione, la difesa», ha osservato Putin, affermando che la Russia deve concentrarsi sul suo sviluppo interno piuttosto che su un elenco preparato da stati stranieri, riporta Sputnik.

«Se la Russia è pienamente sviluppata, ha aggiunto, ci sarà  una comprensione comune: non vi è alcun senso nello stilare qualsiasi lista, minacciando la Russia o cercando di scoraggiare il nostro sviluppo», prosegue il presidente russo.

Il leader russo ha detto che l’elenco complica le relazioni Usa-Russia, ma era comunque curioso di vedere il loro sviluppo.

Putin ha dichiarato: «Si tratta, ovviamente, di un atto ostile. Complicherà la difficile situazione in cui sono già le relazioni russo-americane, e naturalmente danneggerà le relazioni internazionali nel loro complesso».

Interrogato sull’assenza del suo nome nell’elenco, Putin ha risposto sarcasticamente: «È un peccato». Ha detto che sarebbe una sciocchezza lasciare che le relazioni tra la sua nazione e gli Stati Uniti si riducano a zero. 

L’elenco comprende il primo ministro Dmitry Medvedev, così come aiuti presidenziali, ministri, leader di imprese statali e funzionari dell’intelligence.

Il Presidente Putin ha affermato di voler costruire legami con gli Stati Uniti nella misura in cui lo desiderano.

Ha aggiunto: «Stavamo aspettando questa lista, e non lo nascondo, eravamo pronti a prendere misure di ritorsione serie, che avrebbero ridotto a zero le nostre relazioni (…) Per il momento ci asterremo da questi passi. Ma guarderemo attentamente l’evoluzione della situazione».

Nel frattempo, l’inviato sudcoreano si prepara ad andare in Russia, questa settimana, per discutere di cooperazione nel trattare con le ambizioni nucleari e missilistiche della Corea del Nord, riporta Yonhap. Lee Do-hoon, rappresentante speciale per gli Affari di pace e sicurezza della penisola coreana, è partito oggi per Mosca per un viaggio di tre giorni, durante il quale incontrerà il suo omologo russo.

A Pyongyang poi fervono i preparativi per la grande sfilata militare per celebrare il nuovo anniversario di fondazione dell’esercito della Corea del Nord a Kim Il-sung Square.

Antonio Albanese