COREA DEL NORD. Potenza nucleare contro l’imperialismo USA

277

La Repubblica Popolare Democratica di Corea, Rpdc, ha ribadito la sua strategia di voler sviluppare una capacità di attacco nucleare per sventare l’ambizione degli Stati Uniti di annettere lo stato e «ridurre tutti i coreani a moderni schiavi», riporta la nordcoreana Korea Central News Agency, Kcna.

Kim Jong-un ha «stabilito una linea strategica fresca e contemporaneamente porta avanti la costruzione economica e la costruzione della forza nucleare come deciso durante la riunione plenaria del Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea del marzo 2013», prosegue Kcna, citando un memorandum pubblicato recentemente dal governo di Pyongyang, ripreso da Xinhua.

Nel memorandum viene elogiato Kim per l’impostazione «la linea strategica del partito e dello stato che porta avanti le gesta del presidente Kim Il Sung e del leader Kim Jong Il, che realizzano la grande causa di avere accesso alle armi nucleari, nonostante tutte le difficoltà (…) Egli ha quindi rotto la struttura politica del mondo incentrata sulle potenze nucleari esistenti e cambiato radicalmente il panorama politico mondiale».

La linea politica fresca dell’attuale leadership ha fornito all’esercito e al popolo della Corea del Nord una garanzia solida contro la «frustrante ambizione selvaggia degli imperialisti statunitensi di annettere la metà settentrionale della Repubblica e ridurre tutti i coreani a schiavi moderni», prosegue la nota. Il memorandum viene pubblicato in un momento in cui la tensione è alta nella penisola coreana, con Corea del Sud e Stati Uniti impegnati in un’esercitazione militare congiunta su larga scala, che per Pyongyang è finalizzata alla preparazione di operazioni speciali per colpire la sua leadership suprema e distruggere la sue basi strategiche nucleari e missilistiche.

La Corea del Nord ha così giustificato i suoi sforzi per sviluppare armi nucleari e ha minacciato gli Stati Uniti di attacchi preventivi senza preavviso.

Il 13 marzo, Corea del Sud e Stati Uniti hanno dato il via all’annuale Resolve Key, in seguito al lancio il 1° marzo della Foal Eagle. La Corea del Nord ha denunciato le esercitazioni militari congiunte come una prova generale per l’invasione del Nord.

La Key Resolve prevede attacchi preventivi contro gli impianti nucleari e missilistiche della Rpdc quando vengono rilevati segni di attacco.

La Corea del Nord ha condotto un lancio di missili balistici, il 21 marzo e un test del motore per missili balistici, il 19 marzo, condannati dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e si starebbe preparando per un nuovo test nucleare.

Antonio Albanese