COREA DEL NORD. Pechino innalza il livello di allerta al confine

212

La crisi nucleare della Corea del Nord starebbe scatenando frenetici preparativi della Cina lungo il confine tra i due stati perché la superpotenza asiatica crede che gli Usa stiano per lanciare un attacco contro Pyongyang. Pechino è preoccupata per una guerra tra la Corea del Nord e l’America che metterà a rischio città e villaggi vicino al confine settentrionale. 

I funzionari cinesi temono anche l’afflusso di milioni di profughi nordcoreani che attraverseranno la Cina se scoppiasse una guerra, riporta il britannico Express.

Pechino ha aumentato i pattugliamenti militari lungo il confine con la Corea del Nord, riportano fonti cinesi citate dal giornale britannico.

Nelle città ritenute vulnerabili sono stati, inoltre, introdotti dispositivi di monitoraggio delle radiazioni per consentire una risposta tempestiva alla contaminazione in caso di attacco nucleare degli Stati Uniti contro Pyongyang.

E ai cittadini, già scoraggiati dallo Stato cinese dall’aiutare i disertori, è stato ricordato il loro dovere di consegnare i fuggitivi, che verranno poi rimpatriati in Corea del Nord per essere puniti. Qualsiasi cittadino cinese che aiuti un fuggitivo nordcoreano rischia l’arresto e la carcerazione.

Tempo fa comparve uno striscione nella città cinese di Dandong che recitava: «I cittadini o le organizzazioni che vedono attività di spionaggio devono immediatamente segnalarle agli organi di sicurezza nazionale».

I cittadini cinesi hanno comunque segnalato una crescente presenza militare lungo le regioni di confine, in concomitanza con la guerra di parole tra Donald Trump e Kim Jong-un, lo scorso dicembre. E mentre Kim e Mr Trump si vantano a turno dei loro “bottoni nucleari”, le autorità cinesi non stanno perdendo tempo per studiare la situazione vicino al confine.

Il confine è ora infatti strettamente controllato; lungo il confine si starebbero installando stazioni di monitoraggio automatico dell’ambiente radioattivo. Se le stazioni di monitoraggio mostrassero anomalie, i cittadini saranno avvertiti immediatamente. A dicembre 2017, giornali di stato delle città vicino al confine hanno pubblicato una guida illustrata su come proteggersi da un attacco nucleare.

Antonio Albanese