COREA DEL NORD. Passo indietro su Trump: ripartono gli insulti 

124

Mentre la scadenza di fine anno imposta dalla Corea del Nord incombe su negoziati  ancora bloccati con gli Stati Uniti, retorica infiammata e insulti, che hanno segnato gli anni scorsi, sono riemersi questa settimana, come ha detto un funzionario di Pyongyang che le osservazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump possono essere una «ricaduta della sua demenza legata all’età». 

Trump aveva sollevato lo spettro di un’azione militare e rilanciato la sua definizione di “Rocket Man” per il leader nordcoreano Kim Jong Un, mentre partecipava a un evento della Nato in Gran Bretagna: «Gli piace sicuramente mandare razzi, non è vero? Ecco perché lo chiamo “Rocket Man” (…) Abbiamo l’esercito più potente che abbiamo mai avuto, e siamo di gran lunga il paese più potente del mondo. E, si spera, non dobbiamo usarlo, ma se occorresse, lo useremo», riporta Upi.

In risposta, il primo viceministro degli Esteri nordcoreano Choe Son Hui aveva detto che le osservazioni di Trump non hanno mostrato «nessuna cortesia quando si riferisce alla dignitosa leadership suprema della Rpdc (…) Questo ha mosso il crescente odio del nostro popolo contro gli Stati Uniti e gli americani», riporta la Korean Central News Agency, gestita dallo stato.

«Se le parole e le espressioni che alimentano l’atmosfera di confronto sono usate ancora una volta di proposito in questo momento cruciale, deve davvero essere diagnosticata come una ricaduta della sua demenza legata all’età», ha aggiunto, usando un insulto che Kim ha lanciato per la prima volta a Trump nel 2017.

Trump spesso indicato Kim come “Rocket Man” su Twitter durante i primi mesi della sua Amministrazione, quando le tensioni tra Pyongyang e Washington erano alte, minacciando la Corea del Nord con «una furia che il mondo non ha mai visto» nell’agosto 2017 e dicendo che avrebbe «totalmente distrutto» il paese nel suo primo discorso alle Nazioni Unite. In risposta, Kim definito Trump un «cane spaventato» e un «demente».

La Corea del Nord è tornata a testare i missili da poco, compresi i lanci di un missile balistico basato sull’Iskander russo e di un nuovo missile balistico sottomarino.

Il suo lancio più recente è arrivato alla fine di novembre, con due missili lanciati da un sistema multiplo.

La Corea del Nord ha imposto la scadenza di fine anno per la presentazione di una nuova proposta da parte degli Stati Uniti nei suoi negoziati, e Pyongyang sta inviando segnali che si sta spostando verso una posizione più provocatoria per il 2020.

Antonio Albanese