COREA DEL NORD. Nuovi lavori al centro nucleare di Yongbyon

119

La Corea del Nord ha effettuato una serie di miglioramenti presso il suo Centro di Ricerca Scientifica Nucleare, dopo la firma della dichiarazione sulla denuclearizzazione al vertice di Singapore. In quell’occasione, come si ricorderà, Pyongyang si è impegnata a denuclearizzare se Washington avesse garantito la sopravvivenza del regime. 

A rivelare i lavori in corso sono state delle immagini satellitari, riportate dal sito 38 North.

Le immagini satellitari risalenti al 21 giugno, evidenziano che i miglioramenti significativi delle infrastrutture allo Yongbyon Nuclear Scientific Research Center, situato a circa 80 chilometri a nord di Pyongyang, sono continuati dopo il summit di Singapore.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un hanno firmato al vertice di Singapore del 12 giugno una dichiarazione congiunta che ha aperto la strada a migliori relazioni bilaterali e alla “denuclearizzazione completa” del regime nordcoreano in cambio delle garanzie di sopravvivenza fatte da Washington. Il documento non specifica alcun processo o scadenza per il conseguimento degli obiettivi.

Per questo motivo, 38 Northritiene che il proseguimento dei lavori presso lo stabilimento di Yongbyon «non dovrebbe essere considerato in alcun modo legato all’impegno della Corea del Nord di denuclearizzare (…) Si può prevedere che il quadro nucleare del Nord procederà come al solito, fino a quando non saranno emessi ordini specifici da Pyongyang».

Yongbyon, che comprende più di 600 edifici, è il cuore al centro del programma nucleare nordcoreano e la sua chiusura e smantellamento sarebbe essenziale affinché Pyongyang possa adempiere al suo impegno di denuclearizzazione.

I lavori di miglioramento individuati comprendono modifiche al sistema di raffreddamento del reattore di produzione del plutonio, sebbene sia “difficile” determinare se l’unità sia operativa. Sono stati costruiti nuovi edifici anche intorno all’impianto di produzione di radioisotopi, utilizzato per separare il plutonio dalle barre di combustibile usate, e al reattore sperimentale ad acqua leggera.

Antonio Albanese