COREA DEL NORD. Mai sottomissione della Corea agli USA

651

Il Chosun Sinbo è un quotidiano filo-nordcoreano in Giappone che ha dichiarato l’annuncio di un rifiuto da parte di Kim Jong un alla proposta di riconciliazione fatta da Moon Jae-in, in quanto Seoul è ancora sottomessa agli Stati Uniti.

Inoltre i servizi sudcoreani affermano che il lancio del 4  luglio non era un Icbm.

Chosun Sinbo, rilanciato da Yonhap, ha anche invitato la Corea del Sud a porre fine alle esercitazioni militari annuali congiunte con gli Usa se vuole dimostrare la sua disponibilità a migliorare i legami con il Nord. Moon Jae in ha annunciato la sua visione per portare la pace nella penisola coreana durante il suo discorso a Berlino la scorsa settimana, due giorni dopo del lancio dell’Icbm nordcoreano. «Se la proposta si basa sulla sottomissione della Corea del Sud verso gli Usa e l’ostilità verso il Nord, Seoul non può aspettarsi una risposta positiva di Pyongyang», ha detto il giornale.

Il giornale è un organo non ufficiale di Pyongyang, i media statali della Corea del Nord devono ancora fornire una risposta ufficiale alla proposta di Moon.

Il presidente sudcoreano ha proposto che le due Coree sospendano reciprocamente gli atti di ostilità lungo il loro confine, in occasione del 27 luglio, anniversario dell’armistizio che ha concluso la guerra coreana del 1950-1953. Ha poi chiesto di tenere riunioni delle famiglie separate dalla guerra il 4 ottobre, la festa del raccolto autunnale della Corea e il decimo anniversario del secondo vertice inter-coreano.

Afferma il giornale che: «La Corea del Sud dovrebbe mostrare la volontà di migliorare le sue relazioni con Pyongyang non con le parole, ma con l’azione (…) Resta da vedere se la Corea del Sud può prendere la decisione di sospendere le esercitazioni con gli Usa, fonte principale di tensione sulla penisola coreana», fatto che Moon ha già rifiutato.

Gli fa eco indiretta il quotidiano del partito di Kim, il Rodong Sinmun. In un suo commento, il giornale politico afferma che: «La rabbia nucleare frenetica contro la Rpdc avviata in collaborazione con gli stranieri, collegando la soluzione della questione nucleare alle relazioni nord-sud, comporterebbe un confronto più intenso tra i connazionali e l’aumento del pericolo di una guerra nucleare».

Seul poi sta seminando pesanti dubbi sull’effettiva natura del Hwasong-14 lanciato da Pyongyang. Stando al Nis, i servizi sudcoreani, il missile ha sì raggiunto l’altezza atmosferica prevista per un Icbm, ma non è ancora chiaro se il missile sia rientrato nell’atmosfera terrestre con successo. Per il Nis, il missile mancava ancora della tecnologia di rientro e quindi la Corea del Nord potrebbe non avere raggiunto la tecnologia per fare un test simile.

Da notare che Mosca non ha definito questo test un lancio Icbm e a sua volta Pechino si sta mostrando molto cauta. 

Antonio Albanese