COREA DEL NORD. La Zarina di Pyongyang boccia un nuovo vertice con gli USA

645

Un altro vertice con gli Stati Uniti è “inutile” per la Corea del Nord, finché non ci sarà un cambiamento nella posizione negoziale di Washington, ha detto la sorella del leader Kim Jong-un. Kim Yo-jong ha fatto questa osservazione in una dichiarazione della Korean Central News Agency, dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva detto all’inizio della scorsa settimana che avrebbe tenuto un altro vertice con il leader del Nord «se avessi pensato che sarebbe stato utile».

«Questa è la mia opinione personale, ma qualsiasi vertice tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord non avrà luogo quest’anno. Finché non ci sarà un cambiamento decisivo nella posizione degli Stati Uniti, un vertice tra la RDPC e gli Stati Uniti è inutile e inutile quest’anno e in futuro almeno per noi», ha detto Kim Yo-jong, riporta Yonhap.

Questo, tuttavia, non significa che il Nord non denuclearizzerà, ha precisato la sorella del leader nordcoreano, ritenuta il suo erede, e l’attuale guida del paese: «Non stiamo dicendo che non denuclearizzeremo, ma che non possiamo denuclearizzare ora», ha detto, invitando gli Stati Uniti a fare “passi importanti”.

Ha anche chiesto che gli Stati Uniti abbandonino la loro “politica ostile” verso Pyongynag: «Credo che il quadro delle sanzioni per la denuclearizzazione, alla base dei precedenti negoziati tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti, dovrebbe essere cambiato in vista della ripresa dei negoziati tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti per la fine delle ostilità».

Kim ha anche detto che il Nord non tornerà alla sua precedente proposta di rinunciare al suo complesso nucleare di Yongbyon in cambio di un alleggerimento delle sanzioni da parte degli Stati Uniti. Il Nord ha fatto la proposta durante il summit dello scorso anno ad Hanoi, ma l’incontro si è interrotto senza un accordo, poiché gli Stati Uniti hanno chiesto al Nord di rinunciare ad altri impianti nucleari.

I colloqui sul nucleare tra gli Stati Uniti e il Nord si sono bloccati dopo il vertice senza accordi. Kim ha avvertito che dipende «interamente dagli Stati Uniti se cadranno o meno in una situazione disordinata e affronteranno problemi (…) Gli Stati Uniti saranno preoccupati di ricevere un regalo di Natale vicino alle elezioni», aveva minacciato.

La sorella di Kim Jong Un ha anche detto che i sentimenti personali che il leader Kim ha nei confronti di Trump sono «indubbiamente solidi ed eccellenti», ma il Nord non dovrebbe adeguare le sue strategie statunitensi e i suoi piani nucleari basati sulle relazioni personali con il presidente americano.

Il fratello le ha anche chiesto di porgere i suoi saluti augurando a Trump di avere successo nei suoi sforzi, ha detto Kim Yo Jong.

Luigi Medici