COREA DEL NORD. Il nemico pubblico n. 2 per Pechino

205

La Corea del Nord è considerata come la minaccia numero 2 per la Cina dopo gli Stati Uniti, secondo un documento scritto dall’Ufficio strategico dell’Esercito di liberazione del popolo cinese. Secondo quanto riporta Kyodo, nonostante i rapporti diplomatici tradizionalmente amichevoli tra i due paesi confinanti, la Corea del Nord è vista, da un punto di vista militare, come una minaccia per via delle sue armi nucleari e dei programmi missilistici.

Il documento, pubblicato a maggio 2016, è una linea guida per esercitazioni in tempo di guerra ed è pensata per preparare le forze armate in caso di minacce da ipotetici nemici.

Nella loro analisi della situazione di fronte la Cina, gli strateghi cinesi citano «cinque potenziali minacce», la più importante delle quali è costituita dagli Stati Uniti e dal suo “riequilibrio” in Asia.

La seconda citata è la Corea del Nord, che ha dichiarato di essere una potenza nucleare e ha creato molte strutture atomiche vicino al suo confine con la Cina.

Se scoppiasse di nuovo la guerra nella penisola coreana, dice il documento, questo costituirebbe una «grande minaccia» per la parte settentrionale e nord-est della Cina.

Il Giappone ha il terzo posto sulla lista, per via della disputa tra i due paesi sulle isole Senkaku/Diaoyou nel Mar Cinese orientale. Alla luce della forte presenza
di aerei e navi dei due paesi nella zona, vi è il rischio concreto e definito di di un conflitto militare.

Il quarto posto è il conteso Mar Cinese Meridionale, in cui si sovrappongono le rivendicazioni della Cina e di altri paesi, tra cui Vietnam e Filippine.

Pur rilevando che la Cina sta ampliando la sua portata militare in quella zona, in cui si cita lo schieramento di radar di difesa aerea sulle isole artificiali che occupa, la Cina può solo controllarne efficacemente alcune parti, per cui la Cina «non può essere ottimista».

L’India, che ha dispute di confine con la Cina e sta rafforzando anche le sue forze militari, occupa il quinto posto.

Secondo gli strateghi di Pechino, si sta rafforzando l’interesse dell’India per l’espansione territoriale che genera a sua volta il rafforzamento della sua forza militare, anche se nel contempo, la sua cooperazione economica con la Cina sta crescendo.

Antonio Albanese