COREA DEL NORD. Il destino dei lavoratori nordcoreani in Russia

91

Migliaia di lavoratori nordcoreani sono impiegati nell’industria delle costruzioni, mentre altri lavorano in fabbriche locali sulla costa russa del Pacifico, a bassi salari.

È opinione diffusa che i lavoratori nordcoreani siano considerati laboriosi, diligenti e disposti a sopportare condizioni di lavoro difficili. Tuttavia, entro la fine dell’anno dovranno tutti tornare a casa in Corea del Nord se la Russia mantenesse l’impegno di attuare la risoluzione 2397 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, riporta Asia Times.

Dal dicembre 2017, in risposta ai test dei missili balistici della Corea del Nord del mese precedente, le sanzioni Onu chiedono il rimpatrio di tutti i nordcoreani che lavorino all’estero entro 24 mesi. Il termine ultimo per l’attuazione della misura, che avrà un impatto sia sui lavoratori nordcoreani d’oltremare che sulle imprese, è il 22 dicembre 2019. 

Sono già in vigore una serie di sanzioni approvate dall’Onu che limitano la quantità di combustibile che la Corea del Nord può importare, vietano l’esportazione di carbone e minerali preziosi e limitano l’accesso di Pyongyang alle istituzioni monetarie internazionali. Queste misure hanno avuto un impatto sull’economia della Corea del Nord, ma non l’hanno paralizzata, per motivi geopolitici. Gli Stati Uniti, il Giappone e l’Unione Europea sono i più forti sostenitori delle sanzioni, mentre Russia e Cina sono partner riluttanti e non interessati al crollo del regime nordcoreano.

Si tratta di un paradosso che alla fine potrebbe andare a vantaggio di Pyongyang, in quanto le sanzioni contro qualsiasi nazione non sono mai efficaci al 100% in quanto le distorsioni del mercato creano incentivi economici per eluderle.

In Russia, c’è una spinta crescente contro l’applicazione delle misure punitive contro la Corea del Nord. Il 12 gennaio, il Moscow Times riportava che i politici russi avevano chiesto che i lavoratori nordcoreani potessero rimanere nel paese nonostante le sanzioni.

I partner russi hanno anche aiutato volentieri le società statali nordcoreane a nascondere la loro vera identità sotto nuovi nomi. Una dichiarazione del governo russo del 26 marzo ha dichiarato che la Russia ha inviato a casa quasi due terzi dei circa 30.000 nordcoreani che vi lavoravano nel 2018; se fosse vero, coi sarebbero ancora 10000 lavoratori nordcoreani in Russia, la maggior parte dei quali nelle aziende di Vladivostok e in altre città dell’estremo oriente vicino alla Corea del Nord.

La Russia è la più antica destinazione del lavoro nordcoreano. I lavoratori nordcoreani hanno iniziato ad arrivare in questo paese nel 1967, quando i leader dei paesi hanno raggiunto un accordo per portare manodopera nelle aree scarsamente popolate della Russia orientale. All’epoca, la maggior parte di loro lavorava in campi di disboscamento; le organizzazioni internazionali per i diritti umani hanno riferito che gli stipendi pagati dai partner russi sono spesso raccolti da una società statale nordcoreana e i lavoratori ricevono poco denaro.

La Russia non è l’unico luogo in cui i lavoratori nordcoreani stanno guadagnando denaro per il regime a Pyongyang. Fonti governative statunitensi stimano che il numero totale di lavoratori nordcoreani nel mondo sia di circa 100.000 unità.

Senza il reddito dei lavoratori e delle imprese all’estero, la Corea del Nord potrebbe precipitare in una crisi paragonabile a quella che ha devastato il paese a metà degli anni Novanta. Questo potrebbe essere evitato se la Corea del Nord cedesse alle pressioni internazionali per bloccare il suo programma nucleare-balistico. Condizione improbabile, se la Russia scegliesse di applicare solo marginalmente le sanzioni Onu sull’assunzione di lavoratori nordcoreani e sulle relazioni commerciali con le sue aziende.

Probabilmente continueranno ad esserci lavoratori nordcoreani e società di copertura a Vladivostok e altrove dopo la scadenza Onu del 22 dicembre, dando a Pyongyang l’ancora di salvezza di cui ha bisogno per continuare i suoi programmi.

Antonio Albanese