COREA DEL NORD. Il contrabbando di Stato punta all’edilizia, nonostante Covid19

114

La Corea del Nord ha ordinato alle agenzie commerciali militari di contrabbandare i materiali da costruzione necessari per i progetti nazionali che saranno completati entro il 10 ottobre, anniversario della fondazione del partito comunista al governo del Paese,

Stando a quanto riporta Daily NK, le autorità hanno ordinato alle società commerciali Kangsong Trade and Songsan Trading, tra le altre, di acquistare materiali da costruzione il 19 marzo; queste società commerciali sono vicine all’esercito e hanno l’influenza necessaria per ottenere ciò che serve per i progetti edilizi.

Dalla chiusura del confine sino-nord coreano alla fine di gennaio, la Corea del Nord sembra aver istituito un sistema in cui le società commerciali vicine ai militari gestiscono il peso del contrabbando nel paese. Le stesse compagnie commerciali militari continuano a importare maschere facciali e tute protettive.

Le società commerciali Kangsong e Songsan hanno sede a Pyongyang e uffici a Sinuiju, nella provincia settentrionale di Pyongan. Si sono concentrate principalmente sull’importazione di merci attraverso il Dandong, regione della Cina.

Queste società commerciali starebbero identificando quali articoli da contrabbandare nel paese e hanno in programma di inviare squadre in Cina questa settimana o la prossima per creare una lista di articoli che possono acquistare nel paese.

In generale, le società commerciali militari o di governo si concentrano sull’importazione di materiali da costruzione per grandi progetti nazionali insieme a forniture militari e articoli di lusso per l’élite del paese; la maggior parte di queste aziende si stanno ora concentrando sulla sicurezza dei rifornimenti per il progetto del Pyongyang General Hospital, che ha aperto la strada recentemente e che dovrebbe essere completato entro il 10 ottobre.

Secondo il Daily NK, le società commerciali nordcoreane avranno, comunque, difficoltà ad acquistare i materiali di cui hanno bisogno dai cinesi. «Non tutte le fabbriche, i negozi e le società di logistica sono tornati alle normali operazioni a causa di covid19 (…) Non è chiaro se i team delle società commerciali saranno in grado di acquisire ciò di cui hanno bisogno».

Luigi Medici