COREA DEL NORD. Il 94% dei nordcoreani vuole la riunificazione

50

La maggior parte dei nordcoreani ritiene che la riunificazione con la Corea del Sud sia necessaria, e molti di loro pensano che la regione principale per la riunificazione sia la condivisine della stessa etnia, secondo un recente studio statunitense.

Riporta Yonhap che Beyond Parallel (Oltre il Parallelo), un progetto del think tank del Center for Strategic and International Studies ha intervistato 36 nordcoreani che vivono nello stato comunista, durante un periodo indefinito dopo il 2016.

Ha trovato che 34 degli intervistati, il 94 per cento, ritenevano che l’unificazione fosse necessaria perché le due Coree condividono una etnia comune, 44,1 per cento, perché avrebbe aumentato la crescita economica, 29,4 per cento, e avrebbe risolto il problema delle famiglie separate nella guerra di Corea 1950-53, 14,7 per cento. Gli intervistati erano 20 uomini e 16 donne di età compresa tra i 28 e gli 80 anni. Vivevano in otto diverse province e lavoravano come operai, medici, presidenti di aziende, casalinghi, operai, barbieri, cuochi e saune.

Più della metà, ovvero il 58 per cento, ha detto che l’unificazione avverrà nella loro vita. Quelli al di sotto dei 50 anni erano più propensi a pensarlo (71 per cento) rispetto ai loro omologhi più anziani (47 per cento). Lo studio è in contrasto con un sondaggio del 2017 condotto dal Korea Institute for National Unification, che aveva rilevato come il 57,8% dei sudcoreani aveva dichiarato necessaria l’unificazione, in calo dal 62,1% nel 2016 al 69,3% nel 2014.

Lo studio è stato condotto congiuntamente da Victor Cha, consigliere senior e presidente coreano del Csis, e da Marie DuMond, direttore associato e membro dell’ufficio della Presidenza coreana. 

Cha, va ricordato è stato nominato per la prima volta a Seoul, sotto la guida del Presidente Donald Trump, ma recentemente è stato ritirato dalle candidature per divergenze politiche con l’amministrazione.

Lucia Giannini