COREA DEL NORD. I missili diplomatici di Kim Jong Un

65

La Corea del Nord ha lanciato due missili il 28 novembre, ha detto l’esercito sudcoreano, ripreso da Yonhap, aggiungendo che sono stati sparati verso il mare aperto nel mare del Giappone (Mare Orientale per Seul). Il ministero della Difesa del Giappone ha detto che i proiettili sembrano essere missili balistici e ha aggiunto che non sono entrati nello spazio aereo del Giappone.

Il lancio del 28 novembre è avvenuto tre giorni dopo che Pyongyang ha annunciato nuove esercitazioni di artiglieria vicino al conteso confine marittimo con la Corea del Sud. I proiettili sono stati sparati da Yeonpo nella provincia orientale di Hamgyong del sud del paese nelle acque al largo della costa orientale. Entrambi hanno percorso 380 km, raggiungendo un’altitudine massima di circa 97 km, e sono stati sparati in un intervallo di 30 secondi, si legge nel comunicato del Capo di Stato Maggiore sudcoreano, ripreso da Yonhap.

I lanci del 28 novembre sarebbero il quarto test del sistema di lanciarazzi super-grandi del Nord, che si presume sia di 600 millimetri di diametro. Il nord precedentemente ha provato l’arma il 24 agosto, 10 settembre e 31 ottobre. Quest’ultimo test è il tredicesimo del 2019; i test sono iniziati a maggio dopo una pausa di 18 mesi. Nei test precedenti, Pyongyang ha lanciato nuovi tipi di missili a corto raggio, compresa la versione russa dell’Iskander, e una versione aggiornata di un missile balistico lanciato da un sottomarino, Pukguksong-3.

Nelle ultime settimane, la Corea del Nord ha cercato di spingere gli Stati Uniti a rispettare la scadenza di fine anno fissata da Pyongyang per fare proposte tese al salvataggio dei colloqui sulla denuclearizzazione in fase di stallo diplomatico. A giugno, il presidente americano Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un hanno deciso di riprendere i colloqui a livello operativo, ma una breve riunione delle due parti in ottobre in Svezia si è conclusa senza progressi dopo che la Corea del Nord ha interrotto i colloqui, riporta Dw. 

Il primo Ministro giapponese Shinzo Abe ha detto che il lancio di missili multipli da parte della Corea del Nord è una sfida per il Giappone e il resto del mondo. La Corea del Nord chiede la revoca delle sanzioni e l’abbandono delle esercitazioni militari congiunte da parte di Stati Uniti e Corea del Sud in cambio di una riduzione del suo programma di armi nucleari. 

Antonio Albanese