COREA DEL NORD. Gli Usa devono pentirsi delle loro minacce

193

Una serie di immagini satellitari scattate in questo mese di un cantiere navale nordcoreano indicano che Pyongyang sta gestendo un programma serrato per costruire il suo primo sottomarino operativo in grado di lanciare missili balistici. Secondo quanto riporta 38 North, le immagini scattate il 5 novembre mostrano l’attività presso il cantiere navale nordcoreano Sinpo.

La presenza nei cantieri di quelle che sembrano essere sezioni dello scafo a pressione di un sottomarino suggeriscono la costruzione di un nuovo sommergibile, forse il sottomarino a missili balistici Sinpo-C, evoluzione dell’attuale sottomarino a missili balistici sperimentali di classe Sinpo, afferma 38 North. Per tutto il 2017 vi è stato un continuo movimento di parti e componenti dentro e fuori i due cortili adiacenti ai capannoni di costruzione nel cantiere.

Sarebbe una prova ulteriore, se confermata, del programma di sviluppo di un missile a combustibile solido per i lanci di sottomarini. Il progetto Sinpo-C era comparso nei media Usa a ottobre quando The Diplomat, citando fonti intelligence militare Usa, aveva rilevato un nuovo sottomarino diesel-elettrico in costruzione a Sinpo definendolo Sinpo-C. A questa notizia vanno poi collegate quelle relative ai test di motori a combustibile solido per razzi, fatti dalla Corea del Nord tra il 15 e il 21 ottobre.

A livello politico, Pyongyang, il 17 novembre, ha detto che gli Stati Uniti dovrebbero pentirsi della loro azione tesa a scatenare nella penisola coreana una guerra nucleare, riferendosi alle recenti manovre militari nelle acque antistanti la penisola.

Un articolo apparso sul Rodong Sinmun afferma che, sebbene gli Stati Uniti pretendono di voler cercare una soluzione alla questione nucleare della Rpdc con dei colloqui, il loro vero scopo è quello di far cadere la Rpdc con le armi.

«Gli Stati Uniti dovrebbero pentirsi dei loro crimini di aver causato il pericolo di una guerra nucleare nella penisola prima di parlare di “denuclearizzazione negoziata senza precondizioni” (…) Come dimostra la situazione, gli Stati Uniti cercano di abbattere la Rpdc con la forza delle armi e intendono prendere possesso della supremazia mondiale».

Pyongyang ribadisce che il suo diritto di sviluppare la capacità nucleare e missilistica è un diritto non negoziabile di autodifesa contro le minacce statunitensi.

Antonio Albanese