COREA DEL NORD. È uno schiaffo all’Onu il nuovo ponte fra Cina e Nordcorea?

147

La Cina e la Corea del Nord hanno aperto ufficialmente l’8 aprile un nuovo ponte transfrontaliero a metà strada lungo il fiume Yalu, offrendo indizi per la loro possibile espansione degli scambi economici bilaterali mentre le sanzioni internazionali sono in corso.

Il nuovo ponte collega Jian nella provincia cinese nord-orientale di Jilin con la città di frontiera settentrionale della Corea del Nord di Manpo. I due paesi hanno approvato il progetto del ponte Jian-Manpo nel maggio 2012 e ne hanno completato la costruzione nel 2016. Ma da allora hanno ritardato la sua apertura ufficiale, apparentemente colpita dalle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul Nord per i suoi programmi missilistici e nucleari, riporta Yonhap.

Jian, situata a circa metà strada lungo il fiume Yalu, è considerata una base degli scambi commerciali tra la Corea del Nord e la Cina, insieme a Dandong nella provincia di Liaoning sull’estuario del fiume Yalu e ad Hunchun nella provincia di Jilin sull’estuario del fiume Tumen.

Quattro autobus turistici sono arrivati in Cina dalla Corea del Nord attraverso il nuovo ponte alle 8:20 locali dell’8 aprile prima di tornare in Corea del Nord circa un’ora dopo, trasportando circa 120 passeggeri.

Secondo un’azienda turistica locale, i gruppi di turisti sono poi rientrati a Jian intorno alle 17:00 locali dopo la visita delle attrazioni dentro ed intorno a Manpo. Stando a  Yonhap, i governi provinciali della Cina sembrano provare a cooperare con la Corea del Nord per rispondere alla loro richiesta di sviluppo economico interno; anche se «la denuclearizzazione della Corea del Nord non è stata implementata, l’ambiente che circonda la Corea del Nord e la Cina sembra cambiare parzialmente (…) La Cina non può espandere considerevolmente la sua cooperazione economica con la Corea del Nord in considerazione delle sue relazioni con gli Stati Uniti. Ma l’apertura di un nuovo ponte può segnalare l’espansione degli scambi economici bilaterali», prosegue Yonhap.

Con una decisione apparentemente correlata, la Cina ha accelerato la costruzione di una superstrada che collega Jian con Tonghua, città industriale nella provincia di Jilin, innescando la speculazione che i due paesi possono essere la costruzione di un nuovo percorso logistico bilaterale.

Antonio Albanese