I sauditi sono energivori

88

ARABIA SAUDITA – Riad. 29/05/15. Mentre gli Stati Uniti negli ultimi cinque anni hanno fatto di tutto per diventare una potenza globale di petrolio, il più grande esportatore mondiale di petrolio, l’Arabia Saudita, è diventata naturalmente la nazione energivora per eccellenza. Da giugno ad agosto, quando le temperature di Ryad normalmente superano i 100 gradi Fahrenheit (38 gradi Celsius), l’Arabia Saudita utilizza un decimo della sua produzione di greggio per raffreddare l’aria. Fonte Arabian Business.

Il risultato è che dall’inverno a estate lo ”swing” dell’Arabia Saudita nel consumo di petrolio ha eclissato gli Stati Uniti, dove il consumo di benzina sale del 10 per cento ogni estate, con milioni di famiglie che approfittano delle vacanze scolastiche e caldo per intraprendere il classico viaggio “sulle strade americane”. «La caduta dei prezzi sta sbaragliando i guadagni di efficienza per l’estate», spiega Amrita Sen, analista capo petrolio a aspetti energetici in America. Ma nonostante questo L’Arabia Saudita mantiene il primato di grande consumatore di petrolio. Ryad è probabile che manterrà o addirittura estenderà il suo uso del greggio domestico e di combustibile nelle centrali di questa estate, secondo Sen e altri analisti. Tuttavia il paese sembra fare qualche progresso verso rallentando la sua dipendenza una delle forme più costose di energia elettrica. Vi è un crescente dibattito in Arabia Saudita sulle tariffe elettriche, i costiperebbero essere rialzati per frenare lo speco frenare lo spreco, dice il professor Paul Stevens, Senior Research Fellow per l’Energia a Chatham House co- autore di un rapporto 2011 sulla questione.
L’aumento della domanda estiva di quest’anno avrà un significato ancora maggiore per i prezzi del petrolio a livello mondiale rispetto al solito, in quanto gli operatori rialzisti contano su di esso per aiutare le scorte di scarico che gonfiavano a una velocità di più di 1,5 milioni di barili al giorno nella prima metà di questo anno.
Negli Stati Uniti, la domanda di benzina è destinato a crescere di circa 524 mila barili al giorno tra il primo trimestre e il periodo giugno-agosto, secondo la US Energy Information Administration, anche se alcuni analisti si aspettano di più.
Il picco velocità di combustione di petrolio greggio dell’Arabia Saudita è probabile che all’inizio dell’estate arrivi a 900.000 barili al giorno, dicono gli analisti, dai circa 350.000 barili al giorno in inverno, secondo il Joint Oil Data Initiative.
Ma il consumo di combustibili raffinati come il diesel, alcuni dei quali è utilizzato anche nelle centrali elettriche, vedrà picchi anche in estate, prendendo lo swing totale stagionale a circa 1,2 milioni di barili al giorno, un salto del 50 per cento della domanda interna.
Dieci anni fa in Arabia Saudita è partita una sfida, ridurre l’uso di petrolio incrementando l’uso di gas naturale, una espansione però bruscamente arrestatasi proprio con l’aumento dei prezzi del petrolio che hanno alimentato una ripresa economica, sia da parte dei cittadini più ricchi che per la crescente base industriale.
Fino al 2012, la produzione di energia totale è più che raddoppiata, con due terzi della crescita nel settore olio combustibile. Per soddisfare l’aumento di chieste della stagione estiva, l’Arabia Saudita, spende il 16 per cento di tutte le riserve di greggio che per fortuna ha in casa.
Il regno ha già intensificato la produzione a un record 10,3 milioni di barili al giorno nel mese di marzo, e si avvicina alla sua capacità massima di 12,5 milioni di barili al giorno,. Per fortuna che in estate calano le richieste di petrolio dalla Cina. L’anno scorso, il regno ha salvato appena 9 milioni di barili, circa 25.000 barili al giorno, dal suo programma “picco stagionale di produzione” iniziato nel 2010 proprio per ridurre l’uso di greggio in estate. E Saudi Aramco spera di iniziare il suo vasto Wasit Gas Plant, aumentando la capacità di trasformazione del paese del 40 per cento e l’alimentazione di una nuova centrale di cogenerazione da 750 megawatt. L’impianto, però, non è previsto per funzionare a pieno fino al 2016.