Denis Sassou Nguesso proclamato presidente

63

REPUBBLICA DEL CONGO – Brazaville 06/04/2016. L’Alta Corte ha bocciato i ricorsi presentati da alcuni candidati e ha allo stesso tempo ufficialmente proclamato l’elezione di Denis Sassou Nguesso.

Questa decisione del 4 aprile è l’epilogo delle elezioni successive al referendum sulla nuova costituzione dell’ottobre 2015 l’adozione di una nuova costituzione caratterizzata da molti progressi democratici. Denis Sassou Nguesso è stato rieletto il 20 marzo con il 60.19% dei voti espressi dai 68,92% degli elettori. I principali rivali Guy Brice Parfait Kolelas e il generale Jean-Marie Michel Mokoko non hanno superato i due terzi dei voti espressi. Il successo di Sassou Nguesso, riporta Afrik.com, è il risultato di un lavoro politico sostanziale condotto a partire dall’estate del 2015, con l’inaugurazione in tutte le regioni del paese un gran numero di infrastrutture la cui costruzione era in corso da diversi anni: assi stradali importanti che collegano intere regioni del territorio congolese, dighe idroelettriche, ospedali regionali, impianti sportivi e accademici creati dopo i Giochi africani nel settembre 2015 e in previsione dell’anno accademico 2016, spettacolari sviluppi urbani che stanno cambiando il volto di Brazzaville, e così via. Il Congo Brazzaville secondo tutti i criteri Undp, è in fase di crescita in termini di sviluppo umano, e infrastrutturale. Questi investimenti in futuro anche con la stabilità politica e la sicurezza civile, i migliori argomenti per attirare gruppi industriali e commerciali in tutto il mondo, che intendono avviare in Africa centrale. L’attuazione del suo programma passa dalla nuova governance stabilita dalla Costituzione approvata a ottobre 2015: la cancellazione della pena di la morte, la parità di genere, un primo ministro responsabile davanti al Parlamento, decentramento, integrazione delle gerarchie tradizionali. Il passo successivo sono le elezioni parlamentari, che daranno all’opposizione l’opportunità di portare avanti nuovamente le proprie istanze.