A Quito, Bogotà e Caracas discutono

8

ECUADOR – Quito 14/09/2015. I ministri degli Esteri di Colombia, Maria Angela Holguin, e Venezuela, Delcy Rodriguez, riferiranno ai presidenti delle rispettive nazioni sui progressi compiuti in occasione della riunione del 13 settembre, tesa a gettare le basi per una futura conferenza presidenziale bilaterale.

A Quito i due hanno si sono incontrati con alloro omologo ecuadoriano, Ricardo Patiño, ma non hanno fornito dettagli su quali fossero i progressi raggiunti. I due ministri si sono incontrati per cercare di smussare la tensione tra i loro governi sulla crisi di confine, scoppiata il 19 agosto, con la chiusura del confine venezuelano, una decisone scatenata dall’espulsione di molti colombiani dal paese. Patiño, che ha incontrato le colleghe come il rappresentante della presidenza di turno della Comunità di Stati Latinoamericani e dei Caraibi assieme al ministro degli Esteri uruguayano, Rodolfo Nin, che rappresentava l’Unione delle nazioni sudamericane, ha detto che tutte le parti in causa continueranno a lavorare sulla questione nei prossimi giorni. Quello di Quito è stato il secondo incontro, dopo quello, fallito, del 26 agosto scorso. Nel frattempo, la Difesa colombiana, sempre il 13 settembre, ha denunciato la violazione dello spazio aereo di Bogotà compiuta da due aerei militari venezuelani nel pomeriggio del 12 settembre Sabato, nei cieli della provincia di La Guajira. Bogotà ha chiesto al Venezuela spiegazioni.