Bogotà – FARC tempo di riconciliazione

22

CUBA – L’Avana 29/08/2016. Il leader delle Farc, Rodrigo Londoño Echeverry, alias “Timochenko”, nel pomeriggio del 28 agosto, ha confermato il cessate il fuoco definitivo tra i ribelli e il governo di Bogota, e ha espresso la «chiara e definita vocazione per la riconciliazione» dei guerriglieri, dopo il trattato di pace accettato da entrambe le parti la scorsa settimana.

Timochenko, riporta Efe, ha annunciato la fine delle azioni militari offensive dalle Farc in una dichiarazione rilasciata presso l’Hotel Nacional a L’Avana, sede dei colloqui di pace per quattro anni. «In qualità di comandante del Comando Centrale delle Farc-Ep, ordino a tutti i nostri ufficiali, a tutte le nostre unità, a ognuno dei nostri combattenti di cessare definitivamente il fuoco e le ostilità contro lo Stato colombiano a partire dalla mezzanotte», ha detto Timochenko. Il capo delle Farc ha detto che i guerriglieri avevano messo in atto un cessate il fuoco unilaterale per più di un anno, e di aver accolto con favore l’ordine del presidente colombiano Juan Manuel Santos del 25 agosto alle forze di sicurezza colombiane di attuare un cessate il fuoco definitivo con le Farc. «Non abbiamo mai perso la speranza di arrivare a questo giorno molto fortunato per la nostra patria e la nostra gente», ha detto Timochenko, aggiungendo che «rivalità e rancori devono rimanere nel passato. Oggi, più che mai, ci dispiace per la morte e il dolore causato dalla guerra (…) Noi vogliamo abbracciare le forze colombiane, come compatrioti e iniziare a lavorare insieme per una nuova Colombia». Durante la sua dichiarazione, dopo di che ha preso nessuna domanda, il capo dei ribelli è stato affiancato dai membri del team negoziale FARC che hanno partecipato ai colloqui di pace a L’Avana. Le Farc, ha aggiunto Timochenko, aderiranno “rigorosamente” a quanto concordato nei colloqui di pace, tra cui c’è la trasformazione in un movimento politico legale, la possibilità per sé e i suoi membri di rientrare nella società civile e di garantire giustizia e riparazioni per le vittime della guerra. Il trattato di pace, annunciato il 24 agosto, è lungo quasi 300 pagine e sarà sottoposto all’approvazione popolare in un referendum il 2 ottobre. Sempre il 28 agosto, il presidente Santos ha detto che il suo paese è così abituato alla guerra che la gente ha dimenticato cosa vuol dire vivere in pace: «Siamo così abituati alla guerra che abbiamo dimenticato quello che significa la pace, come ci si sente ad essere un paese normale». Santos ha aggiunto che a causa della guerra, i colombiani hanno perso la loro compassione ed «è ciò che dobbiamo recuperare (…) Più di mezzo secolo di guerra, ci ha lasciato anestetizzato, abituati ogni giorno ad avere connazionali, soldati, contadini, guerriglieri morti a causa di questo assurdo confronto. La guerra è diventata parte del paesaggio e abbiamo dimenticato gli enormi drammi umani che hanno creato una simile tristezza, e l’arretratezza che ha creato questo conflitto. Domani inizia il cessate il fuoco e la cessazione delle ostilità bilaterale e definitiva», ​​ha detto Santos, invitando i suoi connazionali a mantenere la loro solidarietà in questa nuova fase in cui il paese si sta muovendo. «Cerchiamo di mantenere la solidarietà con i contadini che meritano di essere in grado di seminare, raccogliere e lavorare in pace (…) Con gli sfollati, che meritano di essere in grado di tornare alle loro terre con sicurezza e dignità (…) Con i soldati, con le madri e I padri di quei ragazzi che non hanno alcun motivo di dover morire in questa guerra senza senso», ha detto il presidente colombiano. Santos ha anche chiesto la solidarietà «con le vittime che meritano la verità, la giustizia, che meritano riparazioni e, naturalmente, di non vere ripetute le atrocità che hanno sofferto».