CLIMA. 2019, l’anno più bollente 

46

Il 2019 ha già segnato i record in tema di temperatura dall’Europa al circolo polare artico e potrebbe rivelarsi uno degli anni più caldi mai registrati. Numerosi studi hanno dimostrato che le ondate di calore come quella che la scorsa settimana ha investito l’Europa settentrionale sono rese più probabili dai cambiamenti climatici e, poiché le emissioni di gas serra prodotte dall’uomo continuano ad aumentare, il 2019 corrisponde alla tendenza generale al riscaldamento. Questo giugno è stato il più caldo mai registrato, battendo il giugno 2016 – finora l’anno più caldo di sempre.  Il record è stato superato a causa di un’ondata di calore eccezionalmente forte in Europa. Secondo il monitor climatico Copernico dell’Ue, le temperature di giugno del continente sono state di circa due gradi Celsius più calde della media. Le temperature erano anche notevolmente superiori alle medie storiche in Sud America, ha detto il Noaaaa, l’ente di monitoraggio atmosferico statunitense.

L’Europa ha subito due ondate di calore eccezionalmente forti nel giro di poche settimane. Il servizio World Weather Attribution di questo mese ha detto che l’ondata di caldo di giugno è stata resa tra le 5 e le 100 volte più probabile dai cambiamenti climatici causati dall’uomo, riporta Afp.

«Dal 2015, abbiamo visto ondate di calore estreme ogni anno in Europa», ha detto Robert Vautard, un climatologo del Laboratorio francese di scienze del clima e dell’ambiente. La prima metà del 2019 ha visto anche intense ondate di calore in Australia, India, Pakistan e parti del Medio Oriente, secondo l’Organizzazione Meterologica Mondiale, Wmo. A metà luglio, per la prima volta da record, i termometri hanno registrato 21C° ad Alert, un avamposto canadese che è l’insediamento più settentrionale della Terra, a circa 900 chilometri dal Polo Nord.

Si tratta di un rilevamento che ha battuto il precedente record stabilito nel 1956, ma il numero di giorni in cui le temperature raggiungono i 19-20C° a quelle latitudini hanno mostrato un netto aumento dal 2012. Gli ultimi quattro anni sono i più caldi mai registrati. L’anno scorso era il quarto della lista, con una temperatura superficiale media di 1C° sopra i livelli preindustriali. Il 2016 è ancora l’anno più caldo della storia dell’umanità –1,2C° sopra la media, aiutato da un potente evento di riscaldamento de El Niño. Secondo il Noaaa, il periodo gennaio-giugno 2019 è stato il secondo più caldo mai misurato, anche più caldo rispetto allo stesso periodo del 2016. Il Wmo stima che il 2019 sarà tra i primi cinque anni più caldi, e che il 2015-2019 sarà il periodo di cinque anni più caldo mai registrato.

Tre documenti pubblicati la scorsa settimana hanno dimostrato che la temperatura della Terra si stava attualmente riscaldando ad un ritmo e un’uniformità senza precedenti negli ultimi 2.000 anni. I livelli di CO2 atmosferica sono attualmente di circa 415 parti per milione – la concentrazione più alta degli ultimi tre milioni di anni. 

Lucia Giannini