Clero saudita contro lo Stato Islamico

84

ARABIA SAUDITA – Riad. 17/09/14. Il massimo consiglio clericale dell’Arabia Saudita, l’unico organismo del paese autorizzato ad emettere fatwa o pareri giuridici islamici, ha dichiarato oggi che «il terrorismo è un crimine odioso» sotto la Sharia.

La dichiarazione arriva dopo che l’Arabia Saudita e altri stati arabi a Jeddah si sono riuniti e hanno fatto un patto per combattere l’ideologia militante. Si tratta, secondo gli analisti arabi, dell’attacco più completo da parte di un clero conservatore del regno che sia mai stato fatto sul radicalismo islamico e il gruppo Stato islamico.
La dichiarazione è stata fatta sui media statali e anche se non sono state specificate particolari punizioni, queste dovrebbero fungere da deterrente. L’Arabia Saudita applica la pena di morte, in simili circostanze per decapitazione pubblica, per molti reati gravi.
Firmato da tutti i 21 membri del consiglio e citando ampiamente dal Corano e detti del Profeta Maometto, la dichiarazione vieta anche il finanziamento militante o incoraggiando i giovani verso atti militanti.
Sempre nella dichiarazione si legge che le persone che hanno emesso la fatwa o altri pareri che “giustificano il terrorismo” non erano consentiti in alcun modo e sono stati “l’ordine di Satana”.
L’Arabia Saudita ha unito gli sforzi internazionali guidati dagli Stati Uniti per combattere il gruppo ISIS, e ha anche lavorato con Washington nella sua battaglia contro al-Qaeda.
La Sharia è il sistema giuridico primario in Arabia Saudita, dove i chierici della scuola musulmana ufficiale wahabita sunnita godono di un significativo potere attraverso una stretta alleanza con la dinastia regnante Al Saud, che fonda la sua legittimità in parte sulla religione.
Alcuni sauditi liberali e analisti stranieri hanno detto che, mentre alti chierici wahhabiti si sono espressi contro i gruppi militanti, che abitualmente usano un linguaggio altamente intollerante verso gli sciiti e i non musulmani possono contribuire alla radicalizzazione.
Il regno del Gran Mufti, che dirige il Consiglio di-stato, ha già descritto i militanti di ISIS e al-Qaeda come il nemico più importante dell’Islam in una serie di osservazioni pubbliche nelle ultime settimane.
Il mufti, sceicco Abdulaziz Al al-Sheikh, nel 2007, ha detto che i “terroristi” meritano e hanno avuto “al-harraba”, l’ultima punizione sotto la Sharia che comporta l’esecuzione seguita dalla esposizione pubblica del corpo come deterrente.
Nella dichiarazione il terrorismo viene descritto come qualsiasi reato volto a minare la sicurezza, come la corruzione e i reati contro la vita o la proprietà, case, scuole, ospedali, fabbriche, ponti, strutture statali o oleodotti e gasdotti, o far saltare in aria o aerei dirottamento.
Decine di persone sono state condannate a pene detentive lunghe oltre il mese scorso per i reati connessi alla sicurezza, per gli attacchi dei militanti nel regno degli ultimi dieci anni, e gli sforzi per aderire conflitti in paesi stranieri.
Nel mese di febbraio, il re Abdullah ha decretato pene detentive per le persone che assistono le organizzazioni estremiste o le persone che vanno all’estero a combattere, dopo le preoccupazioni che i giovani sauditi si potessero unire con i gruppi militanti in Siria, Iraq e Yemen.
Secondo alcuni insegnanti religiosi, la dichiarazione potrebbe promuovere l’odio.