CIPRO. Afrodite sarà operativa dal 2025

117

Un piano di sviluppo e produzione per lo sfruttamento del giacimento di gas Afrodite entro sei anni dovrebbe essere ricevuto dal governo entro pochi giorni, ha detto il ministro dell’Energia cipriota Giorgos Lakkotrypis. Secondo i tempi indicati dal consorzio, Texas-based Noble Energy, che è l’operatore, l’anglo-olandese Shell e la israeliana Delek, il giacimento di gas dovrebbe produrre gas naturale entro il 2025.

Secondo quanto riporta Financial Mirror, Cipro prevede di guadagnare 9,3 miliardi di dollari in 18 anni grazie allo sfruttamento del suo giacimento di gas Afrodite, dopo che Nicosia ha rinegoziato il contratto a giugno. Una rielaborazione del contratto di produzione assicura a Nicosia un reddito medio annuo di 520 milioni di dollari nel corso della vita del giacimento di gas. Le cifre si basano su un prezzo medio del petrolio di circa 70 dollari al barile.

In precedenza il consorzio non aveva l’obbligo di rispettare una linea temporale, ora si prevede che il gas naturale fluisca da Afrodite e sia pompato in Egitto attraverso un gasdotto. Un secondo test di conferma sarà condotto per accertare l’esatta dimensione del giacimento, ha annunciato Lakkotrypis. I rappresentanti della Shell sono stati ricevuti dal presidente Nicos Anastasiades il 27 agosto al Palazzo Presidenziale per discutere i piani energetici.

Shell ha garantito l’impegno per sfruttare commercialmente Afrodite da due diversi punti di vista: come parte del consorzio che sfrutta la Zee di Cipro e come collaboratore del terminale Gnl di Idku, in Egitto, dove è destinato il gas naturale. 

Il governo è in consultazione con il consorzio sul piano di sviluppo e produzione.

Una volta che il contratto di produzione e di condivisione dei ricavi verrà approvato dal governo, sarà rilasciata una licenza di sfruttamento per il progetto, ha detto Lakkotrypis.

Il Ministro ha detto che il consorzio ha dato il 2025 come data per la produzione di gas naturale e sul fatto che il terminal Gnl egiziano riceverà il gas Afrodite, il ministro ha detto: «Dal momento che i cambiamenti che devono essere fatti a Idku sono in discussione, crediamo che la risposta sia sì». Lakkotrypis ha detto che c’è ancora “molto lavoro da fare” dal punto di vista tecnico ed economico prima di costruire un gasdotto da Cipro all’Egitto.

Si tratta del più grande progetto di sviluppo dell’isola, con circa 7,9 miliardi di dollari investiti in infrastrutture. La Noble Energy, con sede negli Stati Uniti, nel 2011 ha fatto la prima scoperta al largo di Cipro nel blocco di Afrodite, che si stima contenga circa 4,5 trilioni di piedi cubi di gas, deve ancora essere commercializzato.

La scoperta, nel 2015, dell’enorme giacimento offshore di Zohr, nel vicino Egitto, ha suscitato l’interesse per il fatto che le acque cipriote hanno le stesse ricchezze. Cipro mira a far sì che il gas naturale inizi a fluire verso l’impianto Gnl egiziano il più presto possibile attraverso un gasdotto. Cipro ha portato avanti la ricerca di risorse energetiche offshore nonostante il crollo nel 2017 dei colloqui per porre fine alla divisione del paese, occupato per metà dalla Turchia dal 1974.

La Turchia è stata condannata internazionalmente per aver inviato due navi militari all’interno della zona economica esclusiva di Cipro dopo aver annunciato che avrebbe iniziato la propria esplorazione energetica.

A febbraio, la ExxonMobil e il Qatar Petroleum hanno scoperto un’enorme riserva di gas naturale al largo della costa di Cipro, la più grande scoperta dell’isola, con una capacità stimata da cinque a otto trilioni di piedi cubi. Anche l’Eni e la Total sono fortemente impegnati nell’esplorazione offshore di petrolio e gas cipriota.

Graziella Giangiulio