La Cina sfida il Giappone in materia monetaria

71

CINA – Pechino. Il  banchiere Yi Gang, vicegovernatore della banca centrale cinese, ha dichiarato alla stampa il 3 marzo di essere pronto alla guerra delle valute. Pechino ha dichiarato all’AFP è “pienamente preparata” per una guerra valutaria, e ha esortato il mondo a rispettare l’accordo raggiunto dal G20 per evitare lo scontro.

Yi Gang ha rilasciato la sua dichiarazione dopo G20 dei ministri delle finanze, a Mosca, tenutosi a febbraio, dove si recò per calmare i timori di una guerra incombente sui mercati valutari. Tali timori sono stati in gran parte alimentati dal recente calo brusco dello yen giapponese, i critici hanno accusato Tokyo di manipolare a dare ai suoi produttori un vantaggio competitivo nei mercati chiave per l’esportazione rispetto ai asiatici. Yi ha detto che una guerra valutaria potrebbero essere evitata se i principali paesi osserveranno quanto promesso al G20 ovvero che la politica monetaria dovrebbe in primo luogo essere uno strumento per l’economia domestica, ha detto Xinhua.
“In termini di politiche monetarie e la disposizione altro meccanismo, la Cina terrà pienamente conto delle politiche di allentamento quantitativo attuate dalle banche centrali dei paesi stranieri”. Ha detto il vicegovernatore della Banca Centrale Cinese. il Presidente sud-coreano Park Geun-Hye ha anche espresso la sua volontà di intervenire per stabilizzare il won e proteggere gli esportatori che combattono per una moneta più forte coreana e uno yen più debole.