Pechino presta a Tashkent i soldi per la ferrovia

54

UZBEKISTAN – Tashkent 30/11/2013. La Cina ha firmato un accordo con l’Uzbekistan il 29 novembre per fornire 350 milioni di dollari per la costruzione di un tunnel ferroviario che colleghi la popolosa valle di Ferghana con il resto del paese.

Il prestito è uno dei numerosi accordi firmati durante una visita in Uzbekistan dal premier cinese Li Keqiang. I lavori preparatori per la costruzione della ferrovia, che unirà la città di Angren alla città di di Pap nella valle di Ferghana, sono iniziati all’inizio di quest’anno. Dopo il completamento, con scadenza luglio 2016, l’Uzbekistan sarà in grado di rinunciare ai collegamenti ferroviari esistenti oggi attraverso il Tagikistan, con cui ha rapporti tesi. Le Ferrovie dell’Uzbekistan e la China Railway Tunnel Group hanno già firmato un contratto a giugno 2013 per la costruzione di tunnel lundo 19 km, che passerà sotto il passo Kamchik, alto 2.200 metri che divide il paese. Il tunnel costerà un più 455 milioni di dollari e richiede il lavoro di circa 500 operai e tecnici per essere costruito. La spesa prevista per la linea Angren-Pap ammonta a 1,9 miliardi dollari. Il finanziamento proviene da istituzioni finanziarie internazionali e dal governo dell’Uzbekistan. La valle di Ferghana, cuore agricolo dell’Uzbekistan, occupa territorialmente una piccola frazione del paese, ma è la patria di quasi un quarto della sua popolazione di 29 milioni; l’unico suo collegamento diretto con il resto dell’Uzbekistan, Tashkent compresa, è una strada tortuosa e spesso interrotta.

Gli altri accordi firmati il 29 novembre includono l’impegno da parte della China Development Bank di creare per Uzpromstroybank una linea di credito di 10 milioni di dollari; i due paesi hanno anche concordato un programma del valore di 40 milioni di dollari per sviluppare le piccole imprese in Uzbekistan.