Tensioni USA – Cina sugli attacchi a Pechino

67

CINA – Pechino. 07/11/13.  Botta e risposta sugli attacchi terroristrici in Cina tra Washington e Pechino. Mentre per Pechino si tratta dia ttacchi terroristici per gli USA no. Negli attacchi compresi quelli di ieri nella provincia di Shanxi, 28 ottobre e 6 novembre hanno perso la vita 3 persone e oltre 50 sono stati i feriti. 

Pechino lamentra, tramite l’agenzia di stampa Xinhua, che dopo ripetute domande in questi incontri con la stampa , e nonostante le rivelazioni dettagliate del governo cinese in attacco, un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti avrebbe affermato che gli Stati Uniti continuano a monitorare la situazione da vicino.

A mezzogiorno del 28 ottobre, tre persone dopo aver gettato benzina dentro una jeep le hanno dato fuoco mentre la piazza era gremita di turisti. Tra i morti una turista filippina e un turista cinese.

 

Dopo l’attentato sono state rinvenute dalla polizia: attrezzatura completa per trasportare la benzina, due coltelli e sbarre di acciaio, così come una bandiera cuscinetto estremisti riferimenti religiosi sono stati trovati a bordo della jeep , mentre cinque sospetti cospiratori sono stati arrestati e ricoverati dopo attacco ci sono dunque tutte le prove che l’ incidente è stato attentamente pianificato, organizzato e premeditato come un atto di terrorismo.

 

È difficile concludere che l’incidente che ha preso di mira indiscriminatamente civili innocenti sotto i riflettori internazionali non sia stato un attacco terroristico. L’atteggiamento USA è in netto contrasto con quello per esempio del presidente francese Francois Hollande che ha condannato l’attacco entro tre giorni .

 

Più preoccupante è stata reazioni dei principali media occidentali e gli esperti che si sono concentrati non sulla crudeltà del crimine violento, ma sull’ipotetico  “grido di disperazione”, contenuto dietro l’attentato, come ha osservato un professore americano alla CNN.

Il fatto che gli autori siano i cinesi, Uiguri, della regione Xinjiang, ha dato ai media occidentali l’idea che non si tratti di un attentato. 

«Se è vero che ognuno ha il diritto di esprimere la propria libertà di essere in disaccordo con la comprensione tradizionale cinese di sviluppo e di progresso nello Xinjiang , ma non si può dire che l’attacco Tian’anmen non sia un atto di terrorismo». Si legge nell’articolo dell’agenzia di stampa cinese.

«Il collegamento con le questioni etniche e religiose è stato usato come pretesto per criticare le politiche interne della Cina, mentre non si vuole denunciare l’attacco stesso è apologia di terrorismo». Ha dichiarato un portavoce del ministero degli Esteri cinese.

Secondo il ministero degli Esteri in sostanza si usano due pesi e due misure in amteria di terrorismo. Mentre in realtà l’attacco contro civili dovrebbe essere condananto a priori.  Che siano gli attacchi di Boston o quelli in paizza Tien an men sempre di terrorismo 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Polizia Morale turca
Articolo successivoRieletto Rahmon