CINA. Trovato l’accordo con l’India per l’Himalaya

134

Il 10 giugno Pechino ha detto di aver raggiunto un “consenso positivo” con l’India per il loro nuovo confronto al confine con l’Himalaya.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha detto che è stato raggiunto un accordo sulla situazione di confine attraverso «un’efficace comunicazione diplomatica e militare» tra entrambe le parti, riporta Scmp.

«Entrambe le parti stanno intraprendendo azioni rilevanti per alleviare la situazione di confine sulla base di questo consenso», ha detto Hua.

All’inizio di maggio si erano registrati degli scontri tra le truppe cinesi e indiane in vari punti lungo la linea di controllo effettivo, che separa i due paesi asiatici. Gli ultimi scontri, secondo quanto riferito, hanno avuto luogo tra i due paesi, entrambi potenze nucleari, vicino al lago Pangong nella regione del Ladakh e vicino al passo di montagna Naku La lungo il confine del Sikkim.

Pechino e Nuova Delhi sono da tempo impegnate in una serie di schermaglie lungo il loro conteso confine di 3.488 km. Gli scontri divennero una guerra nel lontano 1962.

Nel 2017, uno stallo militare nel conteso altopiano di Doklam, che si temeva potesse riportare la guerra tra i due paesi, si è concluso dopo 73 giorni, con entrambe le parti che hanno accettato di ritirarsi. Non è chiaro come siano iniziati gli ultimi attriti al confine, con i media indiani che hanno riferito che le truppe cinesi si sono introdotte nel loro territorio e i media cinesi che accusano le forze indiane di «costruzione illegale di strutture di difesa» in territorio cinese. 

Nel fine settimana, i media statali cinesi hanno riferito che l’Esercito di liberazione popolare ha tenuto un’esercitazione militare su larga scala con migliaia di paracadutisti e veicoli corazzati, che potrebbero essere tutti schierati “in poche ore” al confine himalayano.

Gli Stati Uniti si erano offerti a fine maggio di mediare nella controversia, ma la proposta è stata respinta sia dalla Cina che dall’India.

I media indiani hanno riferito che i comandanti di divisione di entrambe le parti si sono incontrati nelle prime fasi del disimpegno delle truppe lungo il confine. Ciò è avvenuto dopo che i comandanti militari di alto livello di Cina e India si sono incontrati sabato in «un’atmosfera cordiale e positiva», e hanno accettato di «risolvere pacificamente la situazione nelle zone di confine», secondo il ministero degli Affari Esteri indiano che in video conferenza si era confrontato con l’omologo cinese. 

Lucia Giannini