“Una sola Cina” deve continuare

61

TAIWAN – Taipei 09/05/2016. La Cina ha concesso a Taiwan di partecipare all’Assemblea Mondiale della Sanità di quest’anno con l’avvertimento che questa sarà l’ultima volta che Taipei partecipa alla riunione se il presidente entrante di Taiwan non accetterà che l’isola è parte della Cina.

Il 6 maggio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha invitato il ministro della Salute di Taiwan, Chiang Been-huang, a guidare la delegazione per la riunione annuale Oms, che si terrà a Ginevra dal 23-28 maggio, riportano l’agenzia Central News Agency. L’invito, generalmente fatto tra marzo e aprile, è stata ritardata per due mesi in mezzo per l’opposiozione della Cina che pretende da Taiwan l’accettazione della politica di una sola Cina, dal nuovo presidente Tsai Ing-wen. La “One China Policy” è un accordo verbale raggiunto tra i funzionari taiwanesi e cinesi durante un incontro a Hong Kong del 1992, in cui entrambe le parti concordano sul fatto che vi è una sola Cina, ma ogni parte può avere la propria definizione di “una sola Cina”. L’Ufficio affari di Taiwan di Pechino ha avvertito Taiwan che l’invito è dovuto alla buona volontà di Pechino. Tsai, presidente del Partito Democratico Progressista, indipendentista, si insedierào il 20 maggio, sostituendo il presidente Ma Ying-jeou, proveniente dai ranghi del Kmt, più vicino a Pechino. Le relazioni tra le due sponde sono state pacifiche e sia il commercio che il turismo sono fioriti durante gli otto anni di governo di Ma poiché il Kmt accetta la politica di una sola Cina. La Cina ha messo in guardia molte volte l’entrante Tsai che i legami tra le due sponde si sarebbero deteriorati se non avesse sostenuto questa politica nel suo discorso inaugurale. Finora, Tsai non ha risposto alla chiamata di Pechino, tanto che il 4 maggio, il Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del Partito comunista cinese, ha pubblicato un editoriale in cui si minacci ala distruzione delle relazioni politiche se non si accettasse questa politica.

CONDIVIDI
Articolo precedenteHackerato Hun Sen
Articolo successivoTop 10 by ISIS