Xi incontro Ma

52

CINA – Pechino 04/11/2015. I presidenti di Cina e Taiwan potranno incontrarsi per la prima volta in più di 70 anni nel corso di un incontro in programma a Singapore il 7 novembre.

L’agenzia di stampa cinese Xinhua riporta, il 4 novembre, che il presidente cinese Xi Jinping e il presidente di Taiwan Ma Ying-jeou dovrebbero rispondere all’invito per confrontarsi sullo sviluppo pacifico delle due sponde dello Stretto di Taiwan. Il ministero degli esteri di Taiwan ha rilasciato una dichiarazione secondo cui l’incontro segnerà una «pietra miliare storica tra le due sponde dello Stretto (…) L’obiettivo principale della riunione sarà quello di consolidare la pace attraverso lo Stretto e mantenere lo status quo». Taiwan insiste sul fatto che l’incontro potrà esserci solo in condizioni di status uguale e dignitoso che «nessun accordo sarà firmato né sarà rilasciata alcuna dichiarazione congiunta». L’obiettivo del presidente di Taipei, Ma Ying-jeou, è quello di promuovere il benessere della popolazione, stabilire una base per riunioni istituzionalizzate dei leader dei due paesi. Dal termine della guerra civile e della fuga dei leader nazionalisti a Taiwan nel 1949, la Cina ha considerato la regione come una provincia separatista che finirà per tornare nella madrepatria. Qualsiasi incontro ufficiale tra i leader dei due Paesi potrebbe essere fatto partendo dalla reciproca legittimità. Nel 1993, inoltre, riporta Anadolu, il responsabile dell’Associazione cinese per le relazioni sullo Stretto di Taiwan, Wang Daohan, e il presidente della sede a Taiwan della Straits Exchange Foundation, Koo Chen-fu, si incontrarono sempre a Singapore nell’aprile 1993. I due leader infine dovrebbero partecipare ad una cena dopo il loro incontro. A maggio 2015, il presidente cinese Xi Jinping ha incontrato il presidente del partito di governo a Taiwan Eric Chu, segnando così il più alto livello politico dei colloqui negli ultimi sei anni.