Il PCC elabora uno sviluppo lento ma stabile

8

CINA – Pechino 31/10/2015. La Cina ammesso come priorità qualità e lo sviluppo efficiente nel prossimo piani quinquennale che partirà nel 2016.

Secondo un comunicato del 29 ottobre, il Partito comunista cinese accelererà la formazione di un modello di sviluppo che possa portare l’economia in un «nuovo e normale» periodo. Pur essendo una delle economie in più rapida crescita,quella cinese si sta sviluppando in un periodo economico caratterizzato da una crescita più lenta ma di qualità. L’economia è cresciuta del 6,9 per cento nel terzo trimestre del 2015, il dato più basso dal secondo trimestre del 2009, ma la struttura economica sta migliorando con nuovi iter di sviluppo economico come il settore dei servizi. Nel comunicato del Pcc si legge che la Cina dovrebbe mettere in evidenza come innovazione, sviluppo coordinato e “verde”, apertura e inclusività sono strumenti capaci di raggiungere gli obiettivi economici del prossimo quinquennio. Pechino intende costruire una società moderatamente prospera, afferma il Pcc, mirando a raddoppiare il pil e il reddito pro capite del 2010 sia dei residenti nelle città che nelle zone rurali entro il 2020. Per centrare l’obiettivo, il partito continuerà ad approfondire le riforme e rispettare lo stato di diritto. Il Comitato centrale del Pcc si è riunito a Pechino per discutere del progetto economico per il periodo 2016-2020; mentre il piano finale sarà ratificato dalla sessione annuale del massimo organo legislativo della Cina nel marzo nel prossimo anno.