Le Maldive del Mar cinese Meridionale

50

CINA – Pechino 24/06/2016. La Cina opererà regolari crociere alle Isole Spratly, nel Mar Cinese Meridionale ben prima del 2020.

Secondo quanto riportato da The Japan Times la decisione rischia di aggravare i legami già sfilacciati con gli altri paesi che hanno pretese su quelle acque. In un documento rilasciato dal governo della provincia di Hainan, citato dal quotidiano China Daily, si menziona un piano del governo provinciale per accelerare la costruzione di infrastrutture turistiche sulle isole. Le Spratlys sono rivendicate anche da Filippine, Brunei, Malesia, Vietnam e Taiwan. Secondo il documento cinese, i viaggi regolari includeranno fermate multiple, e sono finalizzate a rafforzare l’industria del turismo nel Hainan: «La provincia prevede una linea di crociera e viaggi d’affari nel Mar Cinese Meridionale lungo la “Via della Seta marittima”». Saranno migliorate le rotte crocieristiche che attualmente portano i viaggiatori verso l’arcipelago Paracel nel Mar Cinese Meridionale. Le Paracels, a nord delle Spratlys e più vicina ad Hainan, sono controllate dalla Cina, ma rivendicate anche da Taiwan e Vietnam. Cina e Vietnam combatterono per il loro controllo nel 1974. Le escursioni alle Paracels sono attualmente offerte solo ai cittadini cinesi e non è chiaro se questa politica cambierà con i nuovi progetti turistici. La Cina aveva annunciato a maggio che avrebbe trasformato alcune delle isole Paracels, già scalo regolare delle navi da crociera, in una destinazione turistica tipo le Maldive, prevedendo viaggi su idrovolanti, barche da pesca e immersioni guidate, così come lo svolgimento di matrimoni. Dopo la costruzione delle infrastrutture di base su alcune delle Paracels, la Cina ha cominciato a effettuare crociere turistiche nel 2013; Woody Island funge da sede amministrativa cinese per le isole e gli scogli controllate nel Mar Cinese Meridionale. Pechino ha schierato missili terra-aria e sistemi radar sull’isola, una mossa che getterebbe le basi per la creazione di una zona di identificazione difesa aerea (Adiz) nelle acque contese.