CINA. Sono tre milioni gli uiguri internati nei campi di rieducazione

180

Il movimento nazionale di risveglio del Turkistan orientale, gruppo di attivisti uiguri, ha detto il 13novembre di aver documentato quasi 500 campi e prigioni gestite dalla Cina per detenere i membri di questa etnia, sostenendo che Pechino potrebbe detenere molta più gente rispetto alla cifra comunemente citata di un milione di persone.

Il gruppo che ha sede a Washington e che cerca l’indipendenza per il Xinjiang, ha dato le coordinate geografiche di 182 sospetti “campi di concentramento” dove gli uiguri sono presumibilmente spinti a rinunciare alla loro cultura, riporta Afp.

Ricercando immagini da Google Earth, il gruppo ha detto di aver individuato anche 209 prigioni sospette e 74 campi di lavoro sospetti dei quali avrebbe condiviso i dettagli in seguito: «In gran parte, questi non sono stati identificati in precedenza, quindi potremmo parlare di un numero molto maggiore di persone detenute (…) Se non altro, siamo preoccupati che ci possano essere più strutture che non siamo stati in grado di identificare». Circa il 40% dei siti non era stato precedentemente segnalato.

I gruppi di difesa dei diritti hanno generalmente stimato che la Cina stia trattenendo più di un milione di uiguri e membri di altre etnie prevalentemente musulmane turche.

L’ufficio del Pentagono per l’Asia ha detto a maggio che la cifra era «probabilmente più vicina a tre milioni di cittadini», un numero straordinario in una regione di circa 20 milioni di persone.

Le immagini dei presunti campi mostrano modelli coerenti: costruzioni in acciaio e cemento negli ultimi quattro anni insieme ai perimetri di sicurezza. Il ministero degli Esteri cinese ha detto che le accuse erano “infondate”: «Le organizzazioni del Turkestan orientale al di fuori della Cina hanno da tempo condotto attività che danneggiano la sicurezza nazionale cinese».

Attivisti e testimoni affermano che la Cina stia usando la tortura per integrare forzatamente gli uiguri nella maggioranza Han, anche facendo pressione sui musulmani affinché rinuncino a principi della loro fede come la preghiera e l’astensione dalla carne di maiale e dall’alcol; politica questa definita dati attivisti come “genocidio da incarcerazione”, temendo che gli uiguri sarebbero stati trattenuti a tempo indeterminato.

La Cina ha giustificato la sua politica dopo aver prima negato i campi, dicendo che sta fornendo formazione professionale e allontanando i musulmani dall’estremismo. Centinaia di persone sono morte nel 2009 a Urumqi, la capitale dello Xinjiang, che ha preso di mira soprattutto i cinesi Han.

Gli Stati Uniti hanno paragonato il trattamento della Cina nei confronti degli uiguri ai campi di concentramento della Germania nazista, ma una Pechino sempre più forte ha affrontato critiche limitate al di fuori dell’Occidente. Il mese scorso la Cina si è assicurata una dichiarazione alle Nazioni Unite da parte di nazioni come la Russia, il Pakistan e l’Egitto che ha elogiato i «notevoli risultati di Pechino nel campo dei diritti umani».

Maddalena Ingroia