Cosmonauti e taikonauti insieme

61

RUSSIA – Mosca 13/04/2014. Dal momento che Russia e Cina si stanno coordinando sui futuri principali progetti di ricerca nello spazio, i paesi europei hanno espresso il desiderio di ampliare gli sforzi congiunti nel settore spaziale con Mosca.

Ne ha dato notizia il vice capo di Roscosmos, Sergey Saveliev in una video conferenza tenuta durante la Giornata dell’Astronautica il 12 aprile.
«L’Europa non intende introdurre sanzioni nel campo della ricerca spaziale . Al contrario , tutte le nostre trattative confermano la volontà europea di ampliare la cooperazione», ha detto Saveliev, che poi ha aggiunto che Russia e Europa sono strettamente legate e dipendono l’uno dall’altra nei progetti spaziali. La cooperazione bilaterale è in pieno svolgimento, secondo Saveliev. «La cooperazione russo-cinese è già un fatto. L’anno scorso abbiamo deciso di discutere in espansione per lavorare su uno, due o tre progetti di ricerca su larga scala, e ora siamo di fronte a proposte e in attesa di aggiornamenti da entrambe le parti», ha detto. Saveliev ha suggerito che l’ accordo di partenariato con i cinesi dovrebbe essere lo stesso del programma ExoMars con l’Europa. «Dobbiamo dividere le responsabilità, e ogni lato dovrebbe finanziare la parte che sta sviluppando. I risultati saranno utilizzati senza limitazioni da entrambe le parti», ha concluso Saveliev. Roscosmos ha celebrato la Giornata dell’Astronautica il 12 aprile e Saveliev ha formulato le sue osservazioni in materia di cooperazione internazionale in seguito alle recenti uscite della Nasa cha ha annunciato la sospensione dei progetti in comune con la Russia, data la situazione in Ucraina.
In precedenza, la Nasa aveva annunciato la sospensione della cooperazione con la Russia in relazione alla situazione in Ucraina, con l’eccezione della Stazione Spaziale Internazionale . Molti funzionari della Nasa non si sono detti d’accordo con questa decisione, rilevando che la cooperazione scientifica non dovrebbe essere politicizzata.