Cina, protagonista nei colloqui di pace Afghani

44

ITALIA- Roma. 23/06/13. Il deragliamento dei colloqui di pace tra Stati Uniti e talebani ha messo in seria difficoltà Washington perché si allontana sempre di più la fine del conflitto ma anche la Cina che per la regione ha importanti progetti economici, politici e di sicurezza.

La Cina ha accolto con favore i colloqui in Qatar, e vede una soluzione politica in Afghanistan, come sempre più importante per i suoi interessi economici e di sicurezza nella regione. Di conseguenza, il sostegno della Cina per la riconciliazione tra Kabul e i talebani è diventato un appuntamento fisso della sua fiorente attività diplomatica sul post-2014 per il futuro dell’Afghanistan.

 

Il 2013 per Pechino è iniziato all’insegna di una nuova politica estera, dove la ricerca e l’espansione dei contatti con i talebani è un punto focale. Il tutto ha origini nel cuore della Cina tra i gruppi separatisti nella regione cinese del Xinjiang. Qui si discute di investimenti e di protezione delle risorse cinesi impiegate altrove.

Pechino punta a una riconciliazione in Afghanistan per prevenire una ennesima guerra civile, ma non crede che gli Stati Uniti siano in grado di farcela e allora punta su risorse personali, si prepara ad affrontare qualunque costellazione di forze politiche che stanno emergendo in Afghanistan e che emergeranno una volta che gli USA se ne andranno dalla regione. 

Mentre avvengono continue riunioni tra americani ed europei con i talebani, la Cina porta avanti rapporti personali con i talebani. Dopo gli attacchi dell’11 settembre e la caduta dei talebani dal potere, Pechino ha tranquillamente mantenuto un rapporto con il Quetta Shura, il consiglio di leadership dei talebani che ha la sua base oltre il confine, in Pakistan. In una conversazione, un ex funzionario cinese, ha affermato che oltre il Pakistan, la Cina è l’unico paese che continuare a dialogare con Quetta Shura.

Nel corso degli ultimi 18 mesi, gli scambi tra Pechino e Quetta Shura si sono svolti con maggiore regolarità, e la Cina ha iniziato ad ammettere la loro esistenza in incontri con i funzionari degli Stati Uniti, secondo persone vicine alla vicenda. Le stesse fonti hanno detto che i rappresentanti talebani hanno tenuto riunioni con funzionari cinesi, sia in Pakistan e in Cina. Anche se la possibilità di un sostegno cinese attivo per i colloqui di pace è stato discusso, sembra che la Cina in realtà si sia concentrata sui problemi di sicurezza  piuttosto che di riconciliazione. 

Nei rapporti tra Cina e i talebani, Pechino cerca una soluzione a un suo problema: il movimento per l’indipendenza tra la Cina e gli Uighur minoranza musulmana. Alla fine del 1990, Pechino temeva che il governo dei talebani a Kabul fornisse un rifugio ai militanti uiguri, che erano fuggiti dalla repressione cinese nello Xinjiang, militanti che, secondo Pechino, creavano in terra straniera campi di addestramento. Negli incontri avvenuti a dicembre del 2000 a Kandahar, tra il capo dei talebani Mohammed Omar e  l’ambasciatore cinese in Pakistan, Lu Shulin, Omar aveva promesso che i talebani non avrebbero «consentito a nessun gruppo di utilizzare il suo territorio per condurre tali operazioni» contro la Cina. In cambio, Omar ha cercato due cose dalla Cina: riconoscimento politico formale e la protezione dalle sanzioni delle Nazioni Unite.

Nessuna delle due parti ha poi mantenuto completamente le promesse: i talebani non hanno espulso i militanti uiguri dal suo territorio. Anche se hanno vietato loro di operare nei propri campi, incorporandoli con altri gruppi militanti, come il Movimento islamico dell’Uzbekistan. Allo stesso tempo, la Cina ha moderato la sua posizione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite astenendosi sulle sanzioni che hanno colpito i legami commerciali con i talebani e ha stabilito che avrebbero aiutato a mitigare l’impatto, ma non ha usato il suo potere di veto. 

Le due parti, però, hanno capito che potevano collaborare. Al punto tale che il rappresentante talebano in Pakistan, ha detto all’ambasciatore cinese a Islamabad alla fine del 1990 che la Cina era «l’unico Paese a mantenere un buon rapporto» con i talebani. In realtà, la Cina stava firmando accordi economici a Kabul il giorno degli attentati alle Torri Gemelle e al Pentagono.

Da allora, la Cina ha stretto buoni rapporti con il governo Karzai, senza mai dimenticare i talebani. Oggi, dunque la priorità della Cina è avere rassicurazioni in merito al fatto che ogni territorio sotto controllo talebano non funzioni come base per i gruppi militanti uiguri. Il piccolo gruppo rimanente di combattenti uiguri – forse da un minimo di 40 uomini – sono situati principalmente nella regione del Nord Waziristan del Pakistan, nel territorio a distanza sotto l’influenza di un comandante con legami molto stretti sia con i talebani afghani che pakistani. La Cina ha cercato rassicurazioni che il riparo di uiguri non avrà luogo su una scala più grande nello stesso Afghanistan. Vuole anche i suoi molti miliardi di dollari di investimenti in Afghanistan proteggano la Cina da attacchi dei separatisti cinesi. Dopo tutto il più grande progetto economico di Pechino, la miniera di rame di Aynak, è in un territorio con una forte presenza della rete Haqqani, un gruppo di ribelli che è strettamente alleata con i talebani.

La Cina inoltre vuole scongiurare che vi siano attacchi talebani contro cittadini cinesi in Pakistan, nonostante le promesse avute in Pakistan la Cina nutre forti dubbi. 

Gli Stati Uniti condividono questo obiettivo fondamentale di un Afghanistan stabile, e  spingere Pechino ad aumentare il proprio impegno. I funzionari cinesi hanno anche accennato alle loro controparti statunitensi la possibilità di Pechino utilizzi i propri contatti con i talebani per colloqui di riconciliazione di supporto, secondo fonti vicine alle discussioni. La Cina comunque non entra direttamente nei colloqui di pace per non inimicarsi il Pakistan che da tempo chiede di avere un ruolo da protagonista nei colloqui di pace.

In ogni caso la posizione della Cina potrebbe rivelarsi utile per i negoziatori americani a Doha. Mentre Pechino calca ancora con cura il suo rapporto bilaterale con il Pakistan, si sa che detiene il sopravvento, ed è disposto a fare pressione quando importanti interessi cinesi sono in gioco. Per la Cina priorità è la stabilità in Afghanistan e sono disposti a cedere a Islamabad più potere nellaquestione.