CINA. Più Yuan sul mercato petrolifero saudita

127

La presenza dello yuan è aumentata nei mercati petroliferi globali, da quando l’Arabia Saudita cerca finanziamenti in Renmimbi. Secondo Xinhua, l’Arabia Saudita è disposta a prendere in considerazione il finanziamento in yuan cinesi, quando i mercati petroliferi globali sono testimoni di un aumento della  presenza della Cina e della sua valuta.

Le osservazioni del viceministro saudita dell’Economia e della pianificazione Mohammed al-Tuwaijri hanno creato la possibilità che il renminbi entri nel mercato del regno petrolifero. Ottenere alcuni fondi in yuan cinese diversificherà i canali di finanziamento dell’ Arabia Saudita dopo che ha preso in prestito decine di miliardi di dollari all’estero l’anno scorso. Tutte queste emissioni e prestiti obbligazionari esteri sono stati dominati interamente nella valuta statunitense.

Dalla seconda metà del 2014, il prezzo del petrolio greggio ha subito un calo significativo, che ha travolto l’economia dominata dal petrolio. Nel 2015, l’Arabia Saudita ha registrato un deficit di bilancio record di quasi 100 miliardi di dollari. Con l’ obiettivo di uscire dalla morsa del petrolio, il governo ha creato la sua “Saudi Vision 2030”, un «progetto ambizioso ma realizzabile», per ridurre la sua dipendenza dal petrolio e diversificare la sua economia.

«Uno dei nostri obiettivi principali è diversificare la base di finanziamento dell’Arabia Saudita (…) Lo faremo attraverso l’accesso agli investitori o a corpi di liquidità nei mercati. La Cina è di gran lunga uno dei mercati più importanti», ha detto al-Tuwaijri.

Considerando che la maggior parte dei progetti nell’ambito della “Saudi Vision 2030” richiedono investimenti enormi e caratterizzati da un lento rendimento del capitale, l’Industrial and Commercial Bank of China, Icbc, ha detto che il finanziamento multi-valuta, in particolare in renminbi, espande i canali di finanziamento del governo saudita e riduce i costi per far fronte alla sua enorme domanda di denaro.

Sono chiamate “obbligazioni Panda” in yuan vendute da paesi stranieri e agenzie all’estero in Cina. Icba ritiene che le emissioni di tali obbligazioni  in renminbi forniranno una soluzione alle preoccupazioni di costo nello sviluppo della “Saudi Vision 2030”.

L’ Arabia Saudita eluderà i rischi del commercio se pagherà i fornitori cinesi in renminbi, fatto che probabilmente sarà accolto con favore tra gli esportatori cinesi.

Maddalena Ingrao