CINA. Pechino vuole avere la Signoria del Blockchain

133

Nonostante Pechino abbia recentemente bloccato la vendita e circolazione di Bitcoin, Pechino è profondamente interessata a gestire la blockchain per creare una propria moneta digitale sovrana. A fronte del blocco delle transazioni, sul quotidiano portavoce della Banca popolare cinese, Financial News è stato pubblicato un servizio, riporta Scmp, in cui si dice che Pechino dovrebbe «accelerare il processo di lancio di una moneta digitale sovrana dopo che ha ridotto i rischi di cifratura delle valute»; la sua pubblicazione su un giornale ufficiale riflette appunto l’approvazione della banca centrale.

L’ambizione della Cina di essere leader mondiale nella tecnologia blockchain e della moneta digitale sovrana non è cosa nuova.

Il ministero cinese dell’Information Technology, ad ottobre 2016, ha pubblicato un libro bianco in cui annuncia la volontà di essere all’avanguardia a livello mondiale nella tecnologia blockchain e di incoraggiare le imprese cinesi a partecipare alla definizione di standard tecnici globali.

La banca centrale ha poi creato un istituto speciale per studiare la moneta digitale, e incoraggiare lo studio del blockchain. Il boom del bitcoin e la rapida diffusione dell’offerta iniziale di monete, tuttavia, ha messo in guardia il governo cinese che le cryptocurrency stavano diventando strumenti di speculazione e di criminalità.

All’inizio di settembre ha vietato le Ico, definendole come raccolta illegale di fondi, e ha chiuso gli scambi di bitcoin e dialtre valute digitali.

Il governo, infatti, nel perseguire la sua politica di prevenzione dei rischi finanziari,«non ha avuto altra scelta che chiudere gli scambi», riporta Scmp.

La banca centrale sta cercando di separare gli scambi e le vendite dalla tecnologia blockchain; le aziende fintech cinesi sono state ancora incoraggiate a studiare la tecnologia, anche se gli scambi sono stati vietati.

Il ministero dell’IT ha approvato nove prodotti che soddisfano gli standard blockchain approvati, tra cui Tencent Blockchain sviluppato dal sistema di pagamento online Tenpay e una piattaforma del conglomerato cinese delle telecomunicazioni Zte.

Tuttavia, non sono ancora chiare le possibilità di sviluppo a fronte del blocco degli scambi di bitcoin e ethereum, le valute digitali più popolari.

Graziella Giangiulio