CINA. Pechino utilizza l’arma delle terre rare contro Washington 

76

Il 20 maggio, il presidente cinese Xi Jinping  ha visitato alcune miniere di terre rare e impianti di lavorazione nel sud della provincia di Jiangxi. La visita è stata vista come un segnale che Pechino può considerare l’interruzione delle forniture di terre rare negli Stati Uniti come una ritorsione. Secondo un rapporto di ricerca della Bank of America Merrill Lynch, la Cina ha il 36% delle riserve mondiali di terre rare ma il 90% della produzione globale dei minerali. Minerali di terre rare si trovano anche in Afghanistan, Brasile, Russia, Stati Uniti, India e Australia.

Le voci su che Pechino potrebbe tagliare la produzione delle terre rare in rappresaglia per le misure degli Stati Uniti, intensificando così la disputa commerciale, sembrano sempre più concrete. China Rare Earth Holdings Ltd, un fornitore di terre rare quotato a Hong Kong, ha visto le sue azioni aumentare del 41% a 72 centesimi di dollaro di Hong Kong (9,2 centesimi di dollaro) il 29 maggio. Le azioni hanno poi chiuso sulla borsa di Hong Kong a 62 centesimi di HK, ancora in crescita del 24% rispetto al 28 per cento.

Le azioni hanno guadagnato nelle ultime due settimane, soprattutto dopo la visita del presidente Xi Jinping nel Jiangxi del sud il 20 maggio, quando gli investitori hanno ipotizzato che i prezzi delle terre rare sarebbero cresciuti se la Cina avesse iniziato a tagliare l’offerta. Hanno raggiunto gli 87 centesimi il 21 maggio, il 200% in più del solito livello di 29 centesimi. Il più grande fornitore di terre rare del mondo, la Cina ha spinto per lo sviluppo dell’industria delle terre rare i cui minerali sono utilizzati in diversi tipi di prodotti ad alta tecnologia.

Xinhua ha pubblicato un commento al vetriolo firmato “An Bei” il 29 maggio, che già dal titolo è una sfida a Washington: Non osare pensare di usare prodotti fatti con terre rare per uccidere la crescita della Cina! 

«Alcuni politici statunitensi hanno provato ogni metodo per danneggiare le aziende cinesi ad alta tecnologia e fermare la crescita cinese (…) Anche se possono ignorare il fatto che le catene industriali della Cina e degli Stati Uniti sono altamente integrate, non possono cambiare la realtà che tutte le catene industriali del mondo stanno lavorando a stretto contatto (…) Non c’è vincitore in una guerra commerciale. La Cina non vuole combattere, ma non ne avrà paura e combatterà se necessario».

Il giorno precedente, il Renmin Ribao ha pubblicato un commento in cui si invitavano gli Stati Uniti a smettere di usare i prodotti cinesi ad alta tecnologia come armi nella guerra commerciale: «Le terre rare saranno usate come arma di ritorsione contro il divieto statunitense? La risposta è semplice… Gli Stati Uniti hanno sopravvalutato la loro capacità di manipolare la catena di approvvigionamento mondiale (…) Gli Stati Uniti se ne pentiranno quando si sveglieranno (…) consigliamo agli Stati Uniti di non sottovalutare la capacità della Cina di proteggere il proprio diritto a svilupparsi. Non dire che non abbiamo avvertito».

Gli ha fatto eco Global Times, secondo cui «ridurre le esportazioni di terre rare verso gli Stati Uniti è “un colpo intelligente” contro il giro di vite degli Stati Uniti contro la repressione di Huawei e la guerra commerciale Stati Uniti-Cina (…) L’ultima mossa è vista anche come una rappresaglia della Cina per il controllo delle esportazioni americane delle sue alte tecnologie verso la Cina, e come materiale strategico, l’esportazione delle terre rare della Cina deve essere regolata ora, hanno detto gli analisti. “Potrebbe infliggere danni sostanziali all’industria militare e tecnologica statunitense, dato che le terre rare sono un materiale chiave nella produzione di chip, radar, fibre ottiche, occhiali per la visione notturna, sistemi di guida missilistica e armature per i carri armati (…)  Basta citare alcune grandi aziende statunitensi come Apple, Qualcomm e Raytheon… potrebbero soffrire molto per le contromisure».

Antonio Albanese