CINA. Pechino sta nascondendo l’Armaggeddon dei maiali

131

La diffusione della peste suina africana ha impattato sull’inflazione al dettaglio in Cina a maggio: i prezzi della carne di maiale sono aumentati del 18% a causa di un’epidemia di peste suina africana. I dati dell’Ufficio Nazionale di Statistica hanno mostrato che l’indice dei prezzi al consumo, o Ipc, ha raggiunto il 2,7% a maggio, il livello più alto in più di un anno.

Nel complesso i prezzi alimentari sono balzati del 7,7% il mese scorso rispetto allo stesso periodo del 2018. I fallimenti delle colture dovuti a condizioni meteorologiche non stagionali hanno colpito anche le scorte di frutta fresca, con un aumento dei costi del 26,7% dal 14,8% di aprile.

Per quanto riguarda il più ampio indice dei prezzi alla produzione, o Ipp, a maggio è sceso allo 0,6%, dallo 0,9% rispetto al mese precedente, riporta AsiaTimes. Per Nomura, la crescita economica «potrebbe rallentare ulteriormente l’escalation delle tensioni commerciali USA-Cina (…) Ci aspettiamo che Pechino intraprenda ulteriori misure di allentamento o di stimolo per rafforzare la fiducia e stabilizzare la crescita».

Tuttavia, è stato l’aumento dei prezzi della carne di maiale ad attirare l’attenzione dei giornali. Fino a 200 milioni di suini potrebbero morire, o essere abbattuti, in Cina quest’anno dopo aver contratto la peste suina africana. Se ciò accadesse, i prezzi della carne di maiale potrebbero salire del 70%.

A marzo 2019, Nomura ha avvertito che i prezzi potrebbero salire a 33 yuan per chilogrammo entro il gennaio 2020 rispetto ai 18,5 yuan per chilogrammo di febbraio. Ciò rappresenterebbe un aumento dei prezzi del 78%. «Nonostante l’aumento dei prezzi delle carni suine, gli allevatori di suini potrebbero essere riluttanti ad aumentare le scorte di maiale a causa delle preoccupazioni per la peste suina africana (…) A questo proposito, la ripresa del ciclo del maiale potrebbe durare più a lungo e far lievitare i prezzi della carne suina rispetto ai cicli precedenti» prosegue Nomura.

Le notizie sul virus altamente contagioso sono state abbozzate dai media statali cinesi per paura di scatenare il panico negli acquisti. Anche le statistiche ufficiali sono vaghe. In aprile, il ministero dell’Agricoltura e degli Affari Rurali ha confermato che la popolazione cinese di scrofe è scesa del 21% a marzo rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il pieno impatto della peste suina africana nell’industria suina è stato evidenziato per la prima volta in un rapporto dell’Ufficio regionale delle Nazioni Unite per l’Asia e il Pacifico dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura. “C’è una grave minaccia per l’industria suina in Cina e per il sostentamento dei piccoli agricoltori e di altri lungo la catena del valore”, ha dichiarato lo studio.

La profondità della crisi è stata evidenziata anche in uno studio di Rabobank, che ha previsto che il virus della Psa potrebbe eliminare tra i 150 milioni e i 200 milioni di suini in Cina.

Le ricadute delle infezioni di massa comporterebbero un calo del 30% nella produzione di carne suina, afferma la banca.

A novembre 2018, il ministero dell’Agricoltura cinese ha introdotto misure igieniche rigorose nel tentativo di arrestare la diffusione della Psa. Almeno 18 province sono state dichiarate colpite, causando la morte di 200.000 suini, una cifra che gli analisti ritengono sia solo la punta dell’iceberg. Ufficialmente, la popolazione di maiali cinesi è diminuita del 10,1%, passando a 375,25 milioni di animali.

Graziella Giangiulio