CINA. Pechino riparte dall’Asia

59

Mentre tutti hanno il focus sulla guerra commerciale Cina-USA, Pechino sta coltivando altri mercati. Il 15 giugno a Dushanbe il presidente cinese Xi Jinping ha invitato i paesi asiatici e i loro partner a unirsi per aprire nuove prospettive per la sicurezza e lo sviluppo asiatico in nuove circostanze, riporta Xinhua. Lo ha fatto durante il quinto vertice della Conferenza sulle misure di interazione e rafforzamento della fiducia in Asia (CICA) tenutosi in Tagikistan.

La Cina perseguirà fermamente un percorso di sviluppo pacifico, si atterrà all’apertura e agli approcci vincenti, sosterrà il multilateralismo e collaborerà con tutte le parti per creare un futuro migliore per l’Asia e il mondo, ha affermato il presidente cinese.

Ospitato dal presidente tagiko Emomali Rahmon, al summit della CICA hanno partecipato leader o rappresentanti di Afghanistan, Azerbaigian, Bangladesh, Cambogia, Iran, Kazakistan, Kirghizistan, Qatar, Russia, Sri Lanka, Turchia, Uzbekistan e altri paesi membri, oltre a rappresentanti degli stati osservatori e delle organizzazioni internazionali e regionali competenti.

I partecipanti hanno scambiato punti di vista sul tema “Visione condivisa per una regione CICA sicura e più prospera”, hanno tenuto una discussione approfondita sulle questioni internazionali e regionali di preoccupazioni comuni, pianificato congiuntamente per la pace duratura dell’Asia e la prosperità condivisa e raggiunto un ampio consenso.

Dal summit del CICA di Shanghai del 2014 da dove è emersa una nuova visione di sicurezza comune, completa, cooperativa e sostenibile e ha proposto di esplorare un nuovo percorso di sicurezza e sviluppo che si adatti alle caratteristiche asiatiche e agli interessi comuni dei paesi interessati è passato molto tempo e sono successe molte cose, la Cina ora si è detta pronta a lavorare a trecentosessanta gradi con tutti per approfondire la cooperazione in vari campi e portare avanti il processo CICA su nuove fasi, ha detto.

Chiamando l’Asia una delle regioni più dinamiche e promettenti del mondo, Xi ha detto che i paesi asiatici affrontano anche sfide comuni, tra cui scarsa fiducia politica, squilibrio dello sviluppo economico e problemi di sicurezza e governance, e quindi c’è una lunga strada da percorrere per realizzare una pace duratura e prosperità condivisa.

Xi ha affermato che la costruzione di un’Asia caratterizzata da rispetto reciproco e fiducia reciproca è l’aspettativa condivisa dei membri della CICA, invitandoli ad aderire agli scopi e ai principi della Carta delle Nazioni Unite, rispettando la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale, nonché le rispettive scelte di sistemi politici e percorsi di sviluppo.

Dovremmo scartare il gioco a somma zero e il protezionismo, migliorare la comunicazione politica, migliorare la fiducia reciproca politica e ampliare gradualmente il consenso strategico, ha affermato Xi. Notando che la costruzione di un’Asia sicura e stabile è un obiettivo comune dei paesi regionali, Xi ha invitato al dialogo piuttosto che allo scontro e al partenariato invece che all’alleanza tra i membri della CICA.

Per affrontare adeguatamente i vari problemi di sicurezza tradizionali e non tradizionali, dovremmo essere fermi a reprimere il terrorismo in tutte le sue forme, adottare ogni tipo di misure precauzionali efficaci e estinguere l’estremismo dalle sue radici, ha detto il presidente, esortando i membri della CICA ad esplorare una struttura di sicurezza con caratteristiche asiatiche per realizzare la sicurezza collettiva e la sicurezza comune per l’Asia.

Costruire un’Asia prospera è un’aspirazione condivisa dei paesi asiatici, e lo sviluppo è la chiave di tutti i problemi, ha detto Xi, aggiungendo che i membri della CICA dovrebbero collaborare per promuovere la liberalizzazione e la facilitazione degli scambi e degli investimenti, attuare il consenso raggiunto al secondo Belt and Road Forum per la cooperazione internazionale in aprile, rafforzare la sinergia delle loro strategie di sviluppo, aumentare la connettività globale e promuovere lo sviluppo economico di alta qualità in tutti i paesi.

Costruire un’Asia aperta e inclusiva è una ricerca comune dei paesi asiatici, ha affermato Xi. Ha esortato i membri della CICA a mettere in pratica il consenso raggiunto alla Conferenza sul dialogo delle civiltà asiatiche tenutosi a maggio a Pechino e a sviluppare una visione di civiltà basate sull’uguaglianza, l’apprendimento reciproco, il dialogo e l’inclusività.

Costruire un’Asia cooperativa e innovativa è il nostro bisogno comune, ha affermato il presidente, invitando all’innovazione in settori come la teoria, l’istituzione, la scienza e la tecnologia nonché la cultura e gli sforzi per cercare nuove risposte a vecchi problemi e buone risposte a nuovi problemi, in modo da rompere i vari problemi difficili che affliggono l’Asia.

In primo luogo, la Cina perseguirà fermamente un percorso di sviluppo pacifico, ha detto Xi, giurando di non cercare mai benefici a scapito degli altri. La Cina continuerà ad approfondire la cooperazione amichevole con tutti i paesi sulla base dei Cinque Principi di coesistenza pacifica, affrontando le controversie territoriali e marittime con i paesi interessati attraverso mezzi pacifici e supportando il dialogo e la consultazione nel risolvere questioni di hot-spot regionali, ha detto il presidente.

Anna Lotti