CINA. Pechino protesta con Washington su Taiwan

144

La Cina ha accusato gli Stati Uniti di interferire nei suoi affari interni dopo che il presidente degli Stati Uniti ha ratificato il disegno di legge per rafforzare i legami militari con Taiwan.

Donald Trump, il 12 dicembre, ha approvato il National Defense Authorization Act per l’anno fiscale 2018, che mira a rafforzare la cooperazione militare con Taiwan, comprese le visite reciproche da parte di navi della marina militare e esercitazioni militari congiunte.

«Siamo fermamente contrari a qualsiasi forma di scambio ufficiale o collegamento militare tra Taiwan e gli Stati Uniti», ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri cinese Lu Kang, riporta Efe. Ha poi aggiunto che Pechino ha presentato una denuncia formale sulla misura che ha gravemente violato il “One China Principle”, secondo cui l’unico governo riconosciuto di Taiwan siede a Pechino.

Il ministro degli Esteri di Taiwan, David Lee, ha dichiarato alla commissione per gli Affari esteri e la difesa nazionale del parlamento di Taipei che il governo degli Stati Uniti ha approvato la decisione del Congresso di sostenere tutti i legami militari di alto livello e l’attracco delle navi militari nei porti taiwanesi.

Inoltre Lee ha definito «incredibile e controproducente» la dichiarazione di un diplomatico cinese a Washington, secondo cui le forze armate cinesi avrebbero invaso Taiwan se una nave da guerra statunitense fosse attraccata al porto di Kaohsiung a Taiwan.

Va ricordato che Taiwan è stata una fonte costante di tensioni tra la Cina e gli Stati Uniti, che sono stati il tradizionale garante della sicurezza di Taiwan e il suo principale fornitore di armi e attrezzature per la difesa.

Cina e Taiwan si sono divise dalla guerra civile del 1949 e le relazioni sono state sempre tese. La Cina continua a considerare Taiwan come parte del suo territorio e soggetta ad un protocollo diplomatico noto come “One China”, secondo il quale altri paesi dovrebbero riconoscere la sovranità cinese su Taiwan. Le relazioni tra Cina e Taiwan si sono ulteriormente indebolite da quando al potere c’è Tsai Ing-wen, il cui partito progressista democratico sostiene l’indipendenza formale di Taiwan.

Maddalena Ingrao